Il Papa: «Un pensiero alla martoriata Ucraina che sta soffrendo tanto»

Al termine dell’udienza generale, dopo i saluti in lingua italiana, le parole per «quel povero popolo così crudelmente provato». Krajewski «mi ha raccontato cose terribili»

Concludendo l’udienza generale di questa mattina, 28 settembre, in piazza San Pietro, al termine dei saluti in lingua italiana che come di consueto concludono l’appuntamento del mercoledì Francesco è tornato a rivolgere «un pensiero alla martoriata Ucraina che sta soffrendo tanto Quel povero popolo così crudelmente provato». Parlando a braccio, ha rivelato: «Stamattina ho potuto parlare con il cardinale Krajewski, che era di rientro dall’Ucraina e mi ha raccontato cose terribili. Pensiamo all’Ucraina e preghiamo per questo popolo martoriato».

Ancora, ricordando la festa di san Michele Arcangelo il Papa ha citato il Corpo della Gendarmeria vaticana, che lo festeggerà come patrono: «Che seguano sempre l’esempio di San Michele Arcangelo, e il Signore li benedica per il bene che fanno». E ai pellegrini polacchi: «Fra qualche giorno inizia il mese di ottobre, tradizionalmente dedicato alla Madonna del Rosario. Recitando questa preghiera nelle comunità e nelle famiglie affidate a Maria le vostre preoccupazioni e i bisogni del mondo, soprattutto la questione della pace».

28 settembre 2022