L’8 dicembre l’omaggio di Francesco all’Immacolata

Il Papa si recherà in piazza di Spagna alle 16. Saranno presenti anche il cardinale vicario Agostino Vallini e il sindaco Ignazio Marino. Ad occuparsi dell’animazione della giornata la basilica dei Santi XII Apostoli

I primi a deporre una ghirlanda di fiori, alle 7.30, saranno i vigili del fuoco, in onore di quei loro 220 colleghi che, l’8 dicembre del 1857, inaugurarono il monumento dell’Immacolata Concezione. Da allora si ripete l’omaggio della città, dei lavoratori e di tutta la Chiesa davanti a quella colonna posta in piazza Mignanelli, a ridosso di piazza di Spagna. E dal 1953 interviene anche il Santo Padre. Francesco, quindi, alle 16 dell’8 dicembre, sarà nel centro di Roma per pregare davanti alla Vergine Maria e lasciare dei fiori ai piedi del monumento progettato dall’architetto Luigi Poletti, che culmina con la statua della Madonna realizzata dallo scultore Giuseppe Obici. Con il Pontefice ci saranno anche il cardinale vicario Agostino Vallini e il sindaco Ignazio Marino.

Ma una lunga schiera di gruppi e personalità, fin dalla mattina, lascerà fiori in piazza Mignanelli: dalla parrocchia di Sant’Andrea delle Fratte al principe e gran maestro dell’Ordine di Malta, dalla Gendarmeria vaticana ai lavoratori delle aziende romane più importanti, come l’Acea, l’Atac, la Centrale del latte, le Ferrovie dello Stato, il ministero dei Trasporti, l’Istituto poligrafico, la polizia locale. E ancora la Legio Mariae, le Acli, l’ordine del Santo Sepolcro, la Fondazione don Gnocchi, il Rinnovamento nello Spirito, l’Unitalsi.

Ad occuparsi dell’animazione della giornata, sarà la basilica dei Santi XII Apostoli con l’Accademia dell’Immacolata e la Milizia dell’Immacolata, tutte realtà legate ai Frati minori conventuali. «Noi Frati minori abbiamo fatto un grande servizio per la proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione e soprattutto per la sua diffusione – sottolinea padre Aniello Stoia, parroco dei Santi XII Apostoli -, pensiamo, ad esempio, a San Massimiliano Kolbe. Il dogma non è mai qualcosa di statico, ma è come una tela di Fontana, uno squarcio nel mistero attraverso il quale si può intravvedere un universo». I Frati minori e tanti volontari saranno dunque in piazza per «assistere tutte le persone che verranno – spiega ancora il sacerdote -; distribuiremo gratuitamente la “medaglia miracolosa” come segno di apostolato e faremo evangelizzazione, grazie al gruppo di giovani frati della “Sveglia francescana”, che staranno ai margini di piazza Mignanelli spiegando cosa succede e coinvolgendo i curiosi e i passanti». I fedeli e la famiglia francescana si sono preparati alla giornata di domani con una novena di preghiera, alla quale hanno partecipato diversi cardinali. «Qui è custodita la più antica immagine dell’Immacolata Concezione che è in Roma – rivendica padre Aniello -: si tratta della cosiddetta “Madonna greca”, una tavola attribuita ad Antoniazzo Romano e risalente alla prima metà del Quattrocento».

 

4 dicembre 2014