La Compagnia degli Ultimi, iniziative di solidarietà all’Esquilino

Il motore: un gruppo del Joint Diploma sull’ecologia integrale negli atenei pontifici. «A casa in quarantena, la proposta di fare qualcosa di utile»

Spesa a domicilio per le famiglie in difficoltà, a cui viene donato l’invenduto del Mercato Esquilino; consegna di pasti ai senza fissa dimora che stazionano sotto i portici di piazza Vittorio Emanuele II; sostegno ai giovani migranti e alle famiglie che vivono nei palazzi occupati. Sono tante le iniziative di solidarietà portate avanti nel quartiere Esquilino in questo periodo di emergenza sanitaria ed economica dalla Compagnia degli Ultimi, ispirata ai principi della Laudato si’, nata da un gruppo di volenterosi che seguivano le lezioni del Joint Diploma sull’ecologia integrale nelle università pontificie. Ci sono Massimo e Raffaele che vengono dall’esperienza al Centro di ascolto parrocchiale, Gabriella dalla Comunità di Sant’Egidio e, ancora, Vezio, Vincenzino e tanti altri

«A chi è a casa in quarantena abbiamo proposto di fare qualcosa di utile, per noi stessi ma anche per gli altri – spiega Massimo Cantelmi, tra i promotori della Compagnia degli Ultimi -, ad esempio realizzare delle mascherine, artigianali, che mancano e serviranno per molto tempo. La riflessione finale: prepariamoci, anzi cominciamo la trasformazione, “imposta” dal coronavirus, e cerchiamo di governarla, anzi prendiamola come una opportunità di rinascita nella solidarietà e nella sussidiarietà reciproca. Nulla sarà come prima e il domani è già iniziato!» (Giu. Roc.)

4 maggio 2020