L’Epistolario di don Santoro arriva nelle librerie

Alla vigilia del tredicesimo anniversario dell’assassinio del sacerdote in Turchia, l’uscita della pubblicazione che raccoglie 164 lettere scritte prevalentemente tra il 1980 e il 2006

Alla vigilia del tredicesimo anniversario dell’assassinio di don Andrea Santoro – il sacerdote del clero romano “fidei donum” a Trabzon, in Turchia, dove fu colpito a morte mentre pregava nella sua chiesa il 5 febbraio 2006 – esce nelle librerie l’Epistolario edito dalla San Paolo, dal titolo “L’anima di un pastore”.

Il volume è suddiviso in quattro parti: le lettere alle comunità parrocchiali e a gruppi, quelle ai superiori, quelle ai genitori e infine le lettere a privati. «Le prime – spiega la sorella Maddalena, impegnata a valorizzare l’eredità spirituale del sacerdote – sono conosciute da molti fedeli e sacerdoti collaboratori delle parrocchie romane dove don Andrea ha svolto il suo ministero sacerdotale per 30 anni; le altre, completamente sconosciute, sono state una sorpresa tanto per coloro che hanno lavorato per curare l’edizione, quanto, ne siamo certi, per i fedeli e il clero di Roma che, oltre ad averlo conosciuto, gli sono stati vicino».

Si tratta di 164 lettere scritte, la maggior parte, tra il 1980 e il 2006. Le lettere ai genitori comprendono anche lettere che iniziano dal 1960, mentre la prima scritta ai superiori risale al 1958, rivolta al parroco della sua parrocchia di origine, don Paolo Rossi, e ai capi-gruppo, il giorno prima di entrare in Seminario.

«Queste lettere, come tanto altro materiale personale e pastorale – spiega Maddalena -, è stato trovato, raccolto in “cartelle”, sia nella libreria  che nel computer di don Andrea. Il tutto è stato archiviato dall’associazione don Andrea Santoro per la diocesi di Roma. Un lavoro che dura dal 2007 (e ora quasi concluso) portato avanti da una piccola équipe che nel frattempo ha curato anche l’uscita di due libri, “Diario di Terra Santa” (2010) e “Un fiore dal deserto” (2015), mentre la raccolta delle “Lettere dalla Turchia” era già uscita nel 2006, curata dallo stesso don Andrea (che tanto desiderava far conoscere la missione in Medio Oriente) e dalla Finestra per il Medio Oriente (realtà creata da don Andrea prima di partire fidei donum della diocesi di Roma in Turchia)».

1 febbraio 2019