Musica e parole per i piccoli dello Yemen

A 4 anni dall’inizio del conflitto, l’evento pubblico promosso da Save the Children alla Galleria Alberto Sordi. Protagonisti: Giovanni Allevi e Anna Foglietta

“Stop alla guerra sui bambini”. A 4 anni dall’inizio del conflitto in Yemen, Save the Children propone un evento pubblico, domenica 24 marzo alle 19 alla Galleria Alberto Sordi, per raccontarne le conseguenze sui più piccoli. E lo fa con la musica di Giovanni Allevi, ambasciatore dell’organizzazione, e la voce dell’attrice Anna Foglietta, presidente dell’associazione Every Child is My Child, per raccontare la quotidianità che vivono i bambini in Yemen, le sofferenze che sono costretti a subire sulla propria pelle ma anche il loro desiderio grande di un futuro fatto di pace e speranza.

In questi 4 anni, rendono noto da Save the Children, quasi 6.500 bambini hanno già perso la vita o sono rimasti feriti dai bombardamenti all’interno del Paese e in questo momento più di 1 minore su 10 vive in zone in cui l’intensità del conflitto è elevata, con conseguenze devastanti sulla propria vita e sul proprio futuro. È dedicato anzitutto a loro l’appuntamento di domenica 24 marzo, al quale è previsto anche l’intervento del direttore di Save the Children in Yemen Tamer Kirolos, che racconterà il lavoro dell’organizzazione sul campo, accanto ai bambini e alle loro famiglie. In quella che oggi rappresenta «la più grande crisi umanitaria in corso nel mondo».

21 marzo 2019