Nella Capitale il Natale solidale di Oxfam

Fino al 24 dicembre la campagna “Incarta il presente, regala un futuro”, in oltre 20 punti vendita, in cambio di una donazione a sostegno dei progetti in Italia e nel mondo

“Incarta il presente, regala un futuro”: si intitola così la campagna che caratterizza il Natale solidale di Oxfam Italia. Fino al 24 dicembre è possibile, in oltre 20 punti vendita di Roma e Latina farsi impacchettare i regale di Natale, sostenendo con una donazione la risposta di Oxfam per combattere le disuguaglianze e la mancanza di acqua pulita, cibo e beni di prima necessità nelle più gravi crisi umanitarie del mondo o per offrire un aiuto ai ragazzi che anche in Italia rischiano di restare indietro e abbandonare gli studi, dopo gli anni durissimi della pandemia e alle prese oggi con la crisi economica.

Centinaia i volontari presenti nei punti vendita Coin, Mondadori, Toys Center, Villa Bebe, Ubik, Libraccio e Libreria Tra Le Righe per raccogliere, impacchettando i regali acquistati, offerte che diventeranno acqua pulita, servizi igienico-sanitari, cibo e beni di prima necessità nelle aree del mondo più vulnerabili, in aiuto di popolazioni stremate da conflitti e povertà. «Sono tante le emergenze umanitarie, spesso dimenticate, che rischiano senza interventi immediati di trasformarsi in vere e proprie catastrofi – ricordano da Oxfam -. Come in Yemen, dove la popolazione, a quasi 8 anni dall’inizio del conflitto, deve fare i conti con l’aumento dei prezzi dei beni alimentari, accelerato dagli effetti della crisi ucraina, con almeno metà della popolazione che soffre di insicurezza alimentare, 2 milioni di bambini colpiti da malnutrizione acuta e oltre 6 milioni di persone sull’orlo della carestia». In questo contesto, nel Paese – dove si è ripreso a combattere dallo scorso ottobre, dopo una tregua durata appena 6 mesi – «si sta riaffacciando l’incubo del colera e il tasso di vaccinazione per il Covid19 è ancora bassissimo: solo metà delle strutture sanitarie sono in funzione e quasi 18 milioni di uomini, donne e bambini non hanno accesso all’acqua pulita e a servizi igienico-sanitari adeguati».

Sempre fino al 24 dicembre, nelle librerie Mondadori sarà possibile sostenere il lavoro di Oxfam per garantire equità e pari opportunità di accesso e successo scolastico agli studenti a rischio di abbandono. Dall’inizio della pandemia Oxfam è impegnata nel contrasto alla povertà educativa, migliorando l’accesso ai servizi socio-educativi per le famiglie in grave difficoltà economica. I progetti per l’anno scolastico appena iniziato riguardano oltre 20 scuole, più di 3mila studenti e centinaia di docenti e prevedono la collaborazione di partner locali e nazionali, istituzioni e realtà del terzo settore. «Studenti e docenti avranno così la possibilità, frequentando laboratori e corsi, di sperimentare nuove pratiche didattiche volte a rafforzare le competenze scolastiche, eliminare le disuguaglianze di genere nelle scuole e sviluppare saperi digitali».

Per favorire l’inserimento scolastico dei ragazzi ucraini arrivati in Italia, Oxfam ha inoltre avviato un servizio di mediazione linguistica e accompagnamento in 15 scuole primarie e secondarie che durerà per tutto il nuovo anno scolastico. Un percorso delicato, che in alcuni casi si svolge unitamente alla didattica a distanza che alcune scuole ucraine hanno continuato a offrire agli studenti, ma che col passare dei mesi, e la prosecuzione della guerra, sta diventando essenziale. Sarà possibile contribuire al progetto anche online, donando attraverso la pagina dedicata. Ancora, nelle librerie Libraccio sarà possibile contribuire al lavoro di Oxfam per contrastare la grande disuguaglianza di accesso alla scuola e all’istruzione realizzato anche nei Paesi più poveri. Ad esempio, in Nepal dove Oxfam lavora per promuovere l’educazione inclusiva delle bambine e prevenire la violenza di genere e i matrimoni precoci (info su oxfam.it/libraccio).

Nel dettaglio, a Roma i volontari Oxfam sono disponibili nei punti vendita Mondadori di piazza Cola di Rienzo, via Collatina, via Valle Aurelia, via E. Ferri, viale Marconi, via Appia Nuova, via Pollio presso la Galleria Commerciale Auchan in  città e in viale D. Bramante, presso il centro commerciale Parco Leonardo a Fiumicino, a cui si aggiunge quello di Monterotondo, in via G. Mameli; nei punti vendita Coin in via Cola di Rienzo, via Collatina, viale dei Colli Portuensi, v.le P. Togliatti, via A. Lionello, via San Giovanni, via G. Giolitti; nei Rocco Toys in via R. De Cesare e P. dei caduti della Montagnola; a Villa Bebe di via B. Alimena; a Ubik, in via Cupra; nella Libreria Tra Le Righe di via Gorizia; negli store Libraccio di via Chiana e via Nazionale. Presenza assicurata anche a Latina, alla Coin di viale P. Nervi. Fino al 24 dicembre è sempre possibile unirsi a loro, candidandosi come volontario sul sito di “Regala un futuro“.

«Attraversiamo un periodo particolarmente difficile in Italia e nel mondo – commenta Pierluigi Fabiano, responsabile del progetto per Oxfam Italia -. Nel nostro Paese moltissime famiglie fanno fatica a non cadere in povertà, altrove le comunità dipendono interamente dagli aiuti umanitari. Per questo anche un piccolo gesto può fare la differenza: con un’offerta di 2 euro, ad esempio, potremo garantire a una famiglia yemenita acqua pulita per bere, cucinare, lavarsi per una settimana. Questo Natale facciamo appello alla solidarietà di tutti, perché solo insieme potremo superare questo momento».

7 dicembre 2022