Nicaragua: arrestato un sacerdote a Boaco

La notizia diffusa dal sito del Celam, che denuncia la persecuzione del regime di Ortega contro la Chiesa cattolica. Don Urbina è il secondo prete detenuto, attualmente in custodia cautelare

Non si ferma, in Nicaragua, la persecuzione del regime di Daniel Ortega contro la Chiesa. Espulse, la scorsa settimana, le Missionarie della Carità, nella giornata di ieri, 13 luglio, la polizia sandinista ha arrestato don Leonardo Urbina, parroco del Perpetuo Socorro, a Boaco. La notizia arriva dal sito di informazione del Celam, il Consiglio episcopale latinoamericano, che cita fonti dell’arcidiocesi di Managua. Urbina, riferiscono, è il secondo sacerdote detenuto dal regime. Sarebbe stato convocato alla stazione di polizia di Boaco per rispondere a una “presunta” denuncia di abusi sessuali, senza che siano state portate prove. L’altro sacerdote detenuto è padre Manuel Salvador García, parroco di Nandaime, accusato di esporre le persone al pericolo e per la presunta aggressione a una donna.

I media locali informano che l’udienza contro padre Urbina si è svolta a porte chiuse e con la presenza di soli media legati a Ortega. Yolanda Pía Fletes Cano, giudice supplente, ha ritenuto credibile l’accusa, ordinando la custodia cautelare. La prima udienza è fissata per il 21 luglio.

14 luglio 2022