“Roma per il Guibileo”: la seconda fase della campagna di comunicazione

Tre i nuovi annunci, per illustrare l’adesione della Capitale ai valori dell’Anno Santo. L’obiettivo: coinvolgere la comunità, «creando un senso di appartenenza»

Entra nella seconda fase la campagna di comunicazione “Roma per il Giubileo. Il Giubileo per Roma”, che vuole celebrare l’Anno Santo del 2025 come «un momento unico per l’intera nazione», sottolineano dal Campidoglio. Dopo la prima fase che ha riguardato la realizzazione dei cantieri, quindi, parte il secondo atto, «con  tre nuovi annunci che si propongono di illustrare in modo tangibile e coinvolgente l’adesione della Capitale ai profondi valori del Giubileo». Sempre in collaborazione tra presidenza del Consiglio, Vaticano, Regione Lazio e Roma Capitale.

“La Porta Santa si aprirà su Roma, più bella e accogliente che mai”; “Su di noi gli occhi del mondo. È la grande storia che si ripete”; “Cambia, per essere sempre Roma. Generosa, inclusiva unica”. Questi i nuovi messaggi pensati per catturare «l’eccezionalità di un momento in cui Roma è contemporaneamente protagonista e spettatrice di questo capitolo della sua storia millenaria», è il commento dell’amministrazione capitolina.

Il format grafico scelto richiama delle linee che attraversano la città e utilizza i colori simbolici dell’Italia, dello Stato Pontificio della Regione Lazio e della città di Roma, accompagnando lo sguardo dello spettatore a esplorare una Capitale rinnovata, più bella e accogliente che mai. «La campagna si propone di coinvolgere la comunità, invitando tutti a essere parte di questo momento straordinario, attraverso una combinazione di messaggi visivi e testuali, creando un senso di appartenenza e adesione ai valori fondamentali del Giubileo», concludono dal Campidoglio.

15 gennaio 2024