“Tennis & friends”, la prevenzione in campo al Foro Italico

Il 12 e 13 ottobre la kermesse gratuita con 26 aree specialistiche e 104 postazioni sanitarie. Testimonial dal mondo dello sport e dello spettacolo

La solidarietà e la prevenzione scendono in campo. Torna al Foro Italico il 12 e 13 ottobre “Tennis & Friends”, la kermesse gratuita, nata in collaborazione con Fondazione Policlinico Agostino Gemelli, Coni e Federazione Italiana Tennis, che ha l’obiettivo di promuovere un corretto stile di vita e consentire a tutti i cittadini di effettuare check–up gratuiti e controlli medici. Ventisei aree specialistiche, 104 postazioni sanitarie di cui 49 diagnostiche e un’area dedicata alle vaccinazioni saranno gli spazi riservati a quanti per timore della diagnosi o per difficoltà di altro genere si trovano a dover posticipare le visite di controllo.

«La multidisciplinarietà del progetto permette non solo di promuovere una diagnosi precoce che salva la vita ma anche di coinvolgere un numero sempre maggiore di persone, soprattutto coloro che hanno problemi economici», dichiara Giorgio Meneschincheri, specialista in Medicina preventiva e direttore medico delle relazioni esterne della Fondazione Gemelli. Piace perché «da una parte l’ambiente accogliente abbatte l’ansia di conoscere o scoprire patologie, dall’altra rassicura la presenza di personaggi del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo che accompagnano per mano le persone ai controlli», spiega.

Rosario Fiorello, Maria De Filippi, Carlo Verdone ed Enrico Brignano sono alcuni dei testimonial invitati a prender parte al Torneo Tennis Celebrity per sostenere un’iniziativa che diffonde la cultura della prevenzione e la promozione della salute. «A confermare la centralità di questi obiettivi è anche l’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) – commenta Meneschincheri -. Per la prima volta diminuiscono i nuovi casi di tumore in Italia: sono 371mila quelli stimati nel 2019, con 2mila diagnosi in meno rispetto al 2018. Questo dimostra che le campagne di sensibilizzazione per la prevenzione primaria stanno iniziando a dare risultati positivi».

Coinvolte anche quest’anno le scuole della Regione Lazio, con gli studenti protagonisti venerdì 11. Un format originale che si rinnova ogni anno anche grazie al «lavoro di squadra» che vede impegnati insieme «volontari, personale sanitario, istituzioni (come il ministero della Difesa, grande novità di quest’anno) e aziende sanitarie del territorio».

7 ottobre 2019