Ucraina: dimissioni nel governo Zelensky

Dopo le accuse di corruzione, lasciano il vice ministro della Difesa Shapovalov, il vice capo dell’ufficio presidenziale Tymoshenko e il vice procuratore generale Simonenko

Dopo le rivelazioni dei media su presunti acquisti di forniture a prezzi gonfiati, come spiegano le autorità, sono state annunciate questa mattina, 24 gennaio, una serie di dimissioni al vertice del governo ucraino guidato dal presidente Zelensky. A rinunciare al loro incarico sono il vice ministro della Difesa Vyacheslav Shapovalov, il vice capo dell’ufficio presidenziale Kyrylo Tymoshenko e il vice procuratore generale Oleksiy Simonenko. In particolare, Shapovalov, che è oggetto di sospetti e accuse di corruzione, ha chiesto di poter fare un passo indietro per non «creare minacce alle forze armate in seguito alle accuse sull’acquisto dei servizi di ristorazione», informano dal ministero della Difesa: «Nonostante il fatto che le accuse annunciate siano prive di fondamento, le dimissioni sono un atto degno nelle tradizioni della politica europea e democratica, dimostrazione che gli interessi della Difesa sono superiori a qualsiasi gabinetto o presidenza», si legge in una nota pubblicata online.

Anche il vice capo dell’ufficio presidenziale Tymoshenko ha spiegato oggi di aver chiesto al presidente Zelensky di sollevarlo dalle sue funzioni. Dimissioni accettate con un decreto pubblicato sul sito web presidenziale. «Ringrazio il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky per la fiducia e l’opportunità di compiere buone azioni ogni giorno e ogni minuto», ha scritto Tymoshenko su Telegram.

Già nella giornata di ieri il presidente ucraino aveva anticipato che in settimana saranno annunciati alcuni cambiamenti nell’esecutivo, nelle regioni e nelle forze di sicurezza, dopo le accuse di corruzione ad alcuni politici. Secondo i siti ucraini infatti anche i capi di diverse autorità regionali vicini a Tymoshenko potrebbero offrire le loro dimissioni. Il nome del vice capo dell’ufficio presidenziale era finito in diversi scandali legati al suo presunto uso personale di auto di lusso, ma Tymoshenko ha sempre respinto le accuse.

24 gennaio 2023