Un nuovo ecografo per il Poliambulatorio Caritas

A donarlo, il Rotary Club Eur. Il direttore del servizio pastorale monsignor Feroci: «La malattia può essere anche occasione di incontro, relazione, accoglienza e cura. Ma serve il sostegno della Comunità»

«La malattia è di per sé una condizione emarginante e quando si presenta in persone fragili, povere, in condizioni sociali deprivate, può divenire una esperienza devastante. Ma può anche essere occasione di incontro, di relazione, di accoglienza e di cura. Per fare ciò servono persone formate e motivate, strumenti tecnici adeguati e il sostegno della Comunità. Oggi questi elementi si incontrano e testimoniano impegno e professionalità». Queste le parole pronunciate da monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma, durante la cerimonia di consegna di un nuovo ecografo, donato dal Rotary Club Eur al Poliambulatorio dell’organismo cattolico che si trova nei pressi della Stazione Termini (via Marsala, 97), allo scopo di assicurare continuità di diagnosi e assistenza a quanti rimangono ai margini del Servizio sanitario nazionale.

La partecipazione e l’energia positiva manifestate da tutti, hanno commosso la presidente del Rotary Club Eur Carla Lendaro, che ha voluto sottolineare come «l’impegno profuso dai medici volontari e dalla Caritas per la tutela della salute di tutti gli esseri umani, indipendentemente dalla loro provenienza sociale, economica o geografica, sia la più nobile affermazione del diritto alla dignità dell’essere umano». Ora con il nuovo ecografo, potrà essere incrementata l’attività di diagnosi integrata con l’attività clinica di cura e prevenzione, con la possibilità di assistere tempestivamente quanti sono in condizione di marginalità e
bisogno.

Monsignor Feroci, in chiusura, ha voluto rinnovare i ringraziamenti al Rotary Club Eur quale associazione che promuove i principi della solidarietà, dell’etica, della cooperazione e della comprensione.

30 maggio 2018