A Villa Glori nuova casa famiglia Caritas per malati di Aids

Il 21 giugno l’inaugurazione con il cardinale Vallini. Nell’occasione sarà presentato anche il progetto “Casa del sollievo” per malati di Alzheimer, con il municipio II e la Fondazione Wanda di Alberto Colaiacomo

Il centro Caritas all’interno del Parco di Villa Glori si amplierà e sarà una struttura sempre più aperta al territorio e alla comunità ecclesiale. Sabato prossimo, 21 giugno, il cardinale Agostino Vallini inaugurerà il nuovo padiglione della ex colonia Marchiafava, completamente restaurato grazie ai fondi donati da privati cittadini, che ospiterà una casa famiglia per malati di Aids. Nella stessa giornata, il cardinale Vallini celebrerà l’Eucaristia insieme ai residenti e ai volontari delle tre case famiglia presenti nel parco dei Parioli nella cappella all’interno del centro, anch’essa restaurata.

La manifestazione, a cui parteciperanno anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il sindaco di Roma Capitale Ignazio Marino, prevede la presentazione del nuovo progetto che la Caritas ha attivato in collaborazione con il municipio II e la Fondazione Wanda per la realizzazione all’interno del Parco di una Casa del sollievo per i malati di Alzheimer. Con questo progetto, realizzato con le istituzioni locali, il centro Caritas di Villa Glori – con la struttura, la professionalità degli operatori e l’insostituibile apporto dei volontari – sarà ancora di più punto di riferimento per il quartiere dei Parioli. La Casa sollievo sarà infatti una risorsa per il territorio, determinante per l’assistenza delle persone melate di Alzheimer visto l’aumento della popolazione anziana colpita da tale patologia e la carenza di strutture specialistiche preposte al sostegno del malato e delle famiglie.

Alla manifestazione interverranno anche monsignor Guerino Di Tora, vescovo ausiliare per il settore Nord, Giuseppe Gerace, presidente del municipio II, l’assessore alle Politiche sociali della Regione Lazio Rita Visini e Rita Cutini, assessore al Sostegno sociale e sussidiarietà di Roma Capitale.

17 giugno 2014

Potrebbe piacerti anche