Iniziative Caritas per rifugiati e richiedenti asilo

Attivati due progetti realizzati attraverso la cooperativa Roma solidarietà, in partenariato con il Centro Astalli. Tra le novità, un centro di accoglienza che rimarrà attivo fino al 30 giugno 2012 di Ele. Caf.

Dedicati a rifugiati e richiedenti asilo appartenenti a categorie vulnerabili i due nuovi progetti attivati dalla Caritas diocesana, attraverso la cooperativa Roma solidarietà, in partenariato con il Centro Astalli, nell’ambito del Fondo Europeo per i rifugiati. Il primo, inaugurato lo scorso agosto in zona Casilino, ha portato alla creazione di un centro di accoglienza per 28 uomini, che rimarrà attivo fino al 30 giugno 2013. Il progetto, denominato «S.P.E.S. 2 – Sostegno psicologico e sociale per richiedenti e titolari di protezione internazionale, vittime di tortura e violenza», si rivolge a uomini richiedenti e titolari di protezione internazionale appartenenti a categorie vulnerabili. L’iniziativa è biennale e prevede una seconda annualità dedicata all’ospitalità di altri 22 uomini nella medesima struttura.

Punta a realizzare percorsi di autonomia socio-abilitativa e di inserimento lavorativo l’altra proposta della Caritas, anch’essa dedicata a richiedenti e titolari di protezione internazionale ma non appartenenti a categorie vulnerabili. Si tratta di «Progetto sviluppo», iniziato il 10 agosto scorso, che si concluderà il 30 giugno 2013. L’obiettivo: favorire l’uscita dal circuito dell’accoglienza assistita attraverso l’implementazione di misure sostenibili anche a carattere sperimentale, contrastando l’esclusione sociale attraverso misure concrete. Ad esempio, avviando percorsi di istruzione e formazione, favorendo la conoscenza degli elementi base della lingua e della cultura italiana, così come l’accesso ai servizi bancari e finanziari.

Per informazioni: www.caritasroma.it.

14 settembre 2012

Potrebbe piacerti anche