Orp, nell’Eucaristia il cuore del servizio ai pellegrini

Si terrà lunedì 17 e martedì 18 febbraio il convegno teologico-pastorale dell’Opera romana pellegrinaggi per gli 80 anni di storia. Ad aprire i lavori la prolusione del presidente emerito, il cardinale Camillo Ruini di R. S.

Era il 1934 quando l’allora vicario del Papa per la diocesi di Roma, il cardinale Marchetti Selvaggiani, istituì con un proprio decreto l’Opera romana pellegrinaggi. Obiettivo: organizzare e dare assistenza a tutti i pellegrini diretti verso i principali santuari in Italia e all’estero. Una storia passata attraverso tre Giubilei ordinari e uno straordinario e un impegno cresciuto, nel tempo, grazie al progresso delle comunicazioni. Con l’intento prioritario di offrire a tutti «un viaggio interiore che risponde alla domanda di senso che abita il cuore di ogni uomo e di ogni donna», come si legge nel sito www.operaromanapellegrinaggi.org. Un intento che oggi viene rilanciato con molte proposte (è on line il nuovo opuscolo pellegrinaggi per il 2014) e insieme con una riflessione su un tema centrale nella vita dei cristiani, quindi anche nel pellegrinaggio: l’Eucaristia.

«Il pellegrinaggio come metafora della vita – afferma monsignor Liberio Andreatta, vice presidente e amministratore delegato dell’Opera romana pellegrinaggi – è un cammino per incontrare Cristo insieme ai fratelli». E così ecco il XVI convegno nazionale teologico pastorale, che in due giornate, lunedì 17 febbraio e martedì 18, vedrà intervenire all’Hotel Domus Pacis Torre Rossa Park un qualificatissimo gruppo di relatori. Fino al momento finale, l’attesissimo incontro con Papa Francesco in piazza San Pietro nell’udienza generale di mercoledì. «Il convegno – spiegano all’Orp – richiama da tutta Italia sacerdoti e operatori dei pellegrinaggi ed è occasione per riflettere sulle tematiche spirituali, pastorali e teologiche legate al mondo del pellegrinaggio».

Ad aprire i lavori, lunedì alle 10, la prolusione del presidente emerito dell’Opera, il cardinale Camillo Ruini, proprio sul tema del convegno; alle 11.30, l’intervento dell’arcivescovo Piero Marini, presidente del Pontificio Comitato per i Congressi eucaristici internazionali, su «Eucaristia, mistero di amore trinitario»: nel pomeriggio, Andrea Grillo, docente di Teologia sacramentaria del Pontificio Ateneo Sant’Anselmo, su «Eucaristia, mistero da celebrare» e, alle 17.30, la Messa presieduta dal cardinale Agostino Vallini. Martedì 18, dalle 10, sarà la volta di padre Antonio Spadaro, direttore della rivista La Civiltà Cattolica, sul tema «La sfida e l’esperienza del viaggio: una foresta di simboli», e di don Paolo Asolan, docente di Teologia pastorale alla Pontificia Università Lateranense, su «I pellegrini dell’Orp, testimoni di amore e di pace».

Il pomeriggio sarà dedicato a un momento celebrativo per gli 80 anni dell’Opera che si aprirà con i saluti del segretario generale della Cei, il vescovo Nunzio Galantino, e dell’arcivescovo Celso Morga Iruzubieta, segretario della Congregazione per il clero, del sindaco di Roma, Ignazio Marino, e del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Tre le testimonianze che toccheranno tra le più significative mete dei pellegrinaggi di questi 80 anni: padre Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa, padre Horacio Brito e padre Carlos Cabecinhas, rettori rispettivamente dei santuari di Lourdes e di Fatima. Infine, le conclusioni di monsignor Andreatta.

Martedì, alle 18.30, la celebrazione eucaristica sarà presieduta dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura. Due momenti culturali arricchiranno le giornate del convegno: lo spettacolo «Aquero», ispirato ai fatti di Lourdes, messo in scena dall’omonima compagnia teatrale e prodotto da padre Nino Bucca («una rilettura in chiave moderna – spiegano all’Orp – dell’avventura di Bernadette») e la mostra fotografica «La custodia eucaristica: il tabernacolo» con alcune opere di Maria Teresita Ferrari.

17 febbraio 2014

Potrebbe piacerti anche