Parte il 15 giugno il progetto “Estate sicura”

L’iniziativa, realizzata dalla Regione Lazio in collaborazione con le Asl, prevede il potenziamento dell’assistenza sanitaria nelle principali località balneari e il rafforzamento della rete dell’emergenza sui litorali di R. S.

Torna anche quest’anno il progetto “Estate sicura” realizzato dalla Regione Lazio in collaborazione con le Asl e le aziende ospedaliere in vista della stagione estiva. «Lo scopo dell’iniziativa – ha spiegato alla presentazione che si è tenuta ieri, lunedì 28 maggio, presso la sede della Giunta regionale la presidente Renata Polverini – è potenziare l’assistenza sanitaria nelle principali località balneari del Lazio e rafforzare la rete dell’emergenza sui litorali». Da sabato 15 giugno, giorno di avvio del progetto, a domenica 16 settembre aumenterà la disponibilità delle ambulanze: saranno 20 in più, di cui 18 dislocate lungo il litorale laziale. Una parte delle auto medicalizzate sarà dislocata nei pressi degli stabilimenti balneari sul litorale di Ostia, evitando in questo modo un afflusso eccessivo al pronto soccorso dell’ospedale Grassi.

Previsto anche il potenziamento dei servizi sanitari attraverso progetti attivati dalle diverse Asl. A Viterbo i cittadini potranno accedere a un Corso Bls (Basic Life Support) per apprendere le tecniche di sostengo alle funzione vitali; a Latina, grazie a un accordo tra la Asl e la locale Scuola di infermieri, si potrà contare sul supporto degli allievi infermieri per l’accoglienza dei pazienti; la Asl RmF aprirà gli ambulatori nei fine settimana nelle principali città balneari e di interesse turistico del territorio di competenza della struttura per una serie di prestazioni. I turisti potranno ricevere assistenza telefonica e consigli riguardo alle Unità di Cure Primarie e sugli ambulatori Med più vicini al luogo di villeggiatura contattando il numero unico regionale della centrale operativa 06.58702464. Sempre per agevolare i turisti, è stato redatto in cinque lingue il modulo di segnalazione Ares 118 presso le strutture alberghiere: attraverso il modulo la struttura alberghiera che ospita turisti affetti da patologia cronica può “preallertare” il 118 sulla presenza di situazione critiche, facendo in modo che, in caso di aggravio improvviso, la rete del’emergenza sia già preparata a gestirla.

Come nelle passate edizioni “Estate sicura” si avvale della collaborazione della guardia costiera. Attraverso un protocollo d’intesa con Ares 118, è stato già avviato un corso di formazione per il personale della Capitaneria di porto sull’uso dei defibrillatori e sulle tecniche soccorso di base; contestualmente la Capitaneria di Porto provvede alla formazione del personale Ares sulle metodiche di soccorso in mare in modo da rendere efficienti e qualificati eventuali interventi via mare. La collaborazione prevede anche l’attivazione di una linea definita “punto punto” tra le sale operative di Roma Capitale e della Capitaneria di porto per agevolare un contatto diretto e quindi assicurare interventi tempestivi.

29 maggio 2012

Potrebbe piacerti anche