Rassegna teatrale sulla fede nel quotidiano

«Il tutto nel frammento» è l’iniziativa promossa dall’Ufficio diocesano comunicazioni sociali, che partirà ad aprile. Entro il 18 ottobre l’invio dei copioni da parte delle compagnie di Francesco Indelicato

«Il tutto nel frammento» sarà il tema che caratterizzerà la prossima rassegna teatrale organizzata dalla diocesi di Roma per i mesi di aprile e maggio del 2013. La manifestazione si inserisce nella seconda edizione del progetto «Una porta verso l’Infinito. L’uomo e l’Assoluto nell’arte», promossa dall’Ufficio comunicazioni sociali in collaborazione con il Pontificio Consiglio della cultura. La precedente rassegna, che si è svolta la scorsa primavera sul tema proposto dalla diocesi, «Si sentirono trafiggere il cuore», ha riscosso un discreto successo, registrando la presenza di otto compagnie parrocchiali, scelte tra le trenta che si erano proposte, e di circa 500 spettatori.

Riprendendo una nota espressione del teologo Hans Urs von Balthasar, l’attenzione questa volta sarà dedicata alla fede vissuta nel quotidiano, alle piccole cose che spesso rivelano la grandezza e la bellezza di Dio. Alla rassegna potranno partecipare compagnie amatoriali o professionistiche, principalmente giovanili, che propongano nuove creazioni, non ancora realizzate o realizzate di recente, ispirate al tema proposto e non appartenente ai classici del teatro. I copioni, che dovranno pervenire all’Ufficio comunicazioni sociali del Vicariato di Roma entro il 18 ottobre 2012 all’indirizzo info@ucsroma.it o direttamente nella sede dell’Ufficio, verranno rimessi alla esclusiva e insindacabile valutazione di un’apposita commissione di esperti. Quest’ultima individuerà otto lavori, ciascuno dei quali beneficierà di un contributo alle spese.

La rassegna si aprirà il 19 aprile con una sacra rappresentazione a Santa Maria in Montesanto, la Chiesa degli Artisti a piazza del Popolo. Seguiranno poi le otto date di maggio: il 3 e il 5 le prime due compagnie presenteranno i propri lavori al teatro della parrocchia San Giuda Taddeo ai Cessati Spiriti; il 10 e 12 altre due compagnie saranno alla sala della parrocchia San Gregorio VII; il 17 e 19 sarà la volta della parrocchia Santa Chiara e il 24 e 26 maggio si concluderà con il teatro San Genesio della parrocchia Sacro Cuore di Cristo Re a viale Mazzini. La diocesi cerca in questo modo di incentivare l’arte teatrale, che per sua natura ha un legame con la dimensione dello spirito, come rappresentazione dei sentimenti della fede cristiana. Attraverso la circuitazione degli spettacoli l’intenzione è quindi quella di una sensibilizzazione riguardo ai temi del sacro.

25 settembre 2012

Potrebbe piacerti anche