Violenza anticristiana in Galilea

Esplode nel giorno delle canonizzazioni. A denunciarlo gli ordinari cattolici in Terra Santa che «condannano» due atti di «profanazione» rivolti contro il monastero di Tabgha sul lago Tiberiade di R. S.

Mentre a Roma venivano canonizzati Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, domenica 27 aprile, la Galilea veniva colpita da un’ondata di violenza anticristiana. A denunciarlo sono gli ordinari cattolici di Terra Santa che riferiscono e «condannano con grande preoccupazione» due atti di «vandalismo e di profanazione» rivolti contro il monastero di Tabgha sul lago Tiberiade e contro la chiesa ortodossa di al Bassah, nel nord-ovest di Israele durante un battesimo, e una lettera di minacce al Vicariato patriarcale di Nazaret, firmata da un rabbino della zona.

A Tabgha, si legge nella nota degli ordinari cattolici, «una dozzina di giovani, tra i 13 e i 15 anni, vestiti come gli ebrei religiosi ortodossi e provenienti dalla fonte di Giobbe, ha lanciato pietre con violenza contro la grande croce situata accanto all’altare e contro la croce dell’altare». Gli stessi si sono poi diretti verso il convento delle monache benedettine dove «hanno sottratto con forza la croce dell’altare e lo hanno imbrattato di fango. Hanno rovesciato banchi e sedie sulla spiaggia, dopo aver disegnato la stella di David».

Nello stesso giorno, poi, è stata assaltata la chiesa ortodossa di Al-Bassah, nel nord-ovest di Israele durante un battesimo. Arrestato, invece, il rabbino sospettato di essere l’autore della lettera di minacce arrivata al Vicariato patriarcale di Nazareth. La missiva conteneva affermazioni della Torah e della tradizione halakhita: «Contro il lavoro straniero in terra di Israele, che è terra santa», e «i cristiani sono lavoratori stranieri».

La lettera ordina poi agli uomini della Chiesa e a tutti i cristiani di «lasciare la terra di Israele», pena gravi rappresaglie. «I cristiani della Galilea – conclude la nota – insieme all’Assemblea degli Ordinari, profondamente indignati per i fatti, chiedono con forza alle autorità civili e alle forze di polizia di reagire prontamente con l’arresto dei responsabili, per ristabilire il reciproco rispetto religioso».

30 aprile 2014

Potrebbe piacerti anche