Anche laboratori creativi nella stagione del Verde

L’unica sala romana dedicata stabilmente a un pubblico di bambini e adolescenti inizia la stagione il 3 ottobre con una festa, e annuncia novità come la scuola di teatro di Toni Colotta

Mentre si approssima l’inizio sui palcoscenici delle stagioni autunno-primavera aggiungiamo, ai cartelloni già descritti, qualche accenno su quello del Teatro Verde di Circonvallazione Gianicolense 10. Veterana fra le piccole sale romane in attività, è l’unica dedicata stabilmente al pubblico di bambini e adolescenti in ossequio alla volontà della fondatrice burattinaia di fama mondiale, Maria Signorelli, che le figlie continuano per fortuna a concretare, integrando negli spettacoli attori in carne ed ossa e attori-pupazzi, burattini e marionette. Per educare fin da piccoli al gusto dell’invenzione fantastica dal vivo.

La stagione, che si aprirà il 3 ottobre con una festa, allinea rappresentazioni di alto impegno fino a maggio. Inizio con “Una volta c’era un re…diesis” a cura della Compagnia del Teatro Verde. Seguono, fra gli altri, un gruppo varesino con “Universi paralleli”, spettacoli premiati come “La bella addormentata” di Calabretta, “Luna sulla luna” di Villani-Del Beato, “Tra le nuvole” di Renzi.

In totale più di 40 produzioni che vengono, oltre che da Varese, da Jesi, L’Aquila, Ferrara. Il Teatro Verde può vantare una eccezionale affluenza di spettatori e, all’esterno, notevoli presenze nelle scuole di ogni ordine, nelle piazze e in tournée all’estero. Fra le novità annunciate i laboratori manuali creativi, le letture animate e una scuola di teatro.

14 settembre 2009

Potrebbe piacerti anche