Bioetica e arte in un concorso per under 18

Aperte le iscrizioni alla II edizione della competizione promossa dalla cattedra Unesco in Bioetica e diritti umani. In gara foto e opere d’arte ispirate alla Dichiarazione universale dei diritti umani di R. S.

Visita il sito internet

Sono aperte le iscrizioni per partecipare alla seconda edizione del “Concorso di bioetica e arte” promosso dalla cattedra Unesco in Bioetica e diritti umani, istituita al Pontificio ateneo Regina apostolorum e all’Università europea di Roma. La partecipazione è aperta ai giovani artisti dai 13 ai 17 anni, che possono presentare opere artistiche o foto ispirate a un passaggio della Dichiarazione universale di bioetica e diritti umani dell’Unesco che sottolinea il «rispetto per tutte le culture e le religioni» e «l’impatto delle scienze della vita per le generazioni presenti e future».

«L’apertura del bando di concorso alle giovani generazioni è la vera novità di quest’anno – spiega Alberto Garcia, direttore della Cattedra Unesco di Bioetica e diritti umani, e membro dello staff degli organizzatori – e mira a trasmettere in modo durevole il senso del valore della vita. L’arte è un valido veicolo di sensibilizzazione della società su temi delicati: diffondere la cultura significa trasmettere rispetto per la vita, in qualunque forma essa si manifesti».

I lavori saranno valutati da una commissione internazionale che, alla fine del prossimo settembre, eleggerà cinque opere finaliste per ciascuna delle tre categorie in gara: oltre ai giovani, fotografi e artisti professionisti, per i quali i termini di partecipazione sono già scaduti. Il vincitore verrà decretato da una giuria internazionale tra le quindici opere selezionate che, oltre a ricevere un premio in denaro, saranno esposte in tre mostre: nella sede Onu di New York a metà ottobre, a Honk Kong nel corso del convegno Unesco su Multiculturalismo e religione (3-5 dicembre 2013) e, successivamente, all’ateneo Regina apostolorum di Roma.

Alla prima edizione del concorso hanno partecipato artisti di 23 Paesi, con un totale di 215 opere. 45 gli italiani in gara, tre cui Andrea Mariconti, vincitore con l’opera a tecnica mista “Una repubblica democratica fondata sul lavoro”.

Per informazioni e dettagli sul bando di concorso: www.bioethicsart.org.

29 maggio 2013

Potrebbe piacerti anche