Comune, presentata la nuova Giunta

Il sindaco Marino ha scelto i dodici assessori. Sei uomini e sei donne tra politici e tecnici. «Una squadra giovane che esprime discontinuità. Persone scelte in base a curricula e a rapporto fiduciario» di Christian Giorgio

Il Forum Lazio: «Manca un assessorato alla famiglia»

Si riunirà per la prima volta nel pomeriggio di oggi, 27 giugno, la nuova Giunta di Roma. Il sindaco, Ignazio Marino, ha presentato la squadra che lo accompagnerà durante il suo mandato al Campidoglio e nel farlo ha chiarito di aver rispettato, nella scelta, il principio di «parità di genere». Sei donne e sei uomini quindi. Il rebus che nelle ultime ore ha fatto prolungare l’attesa è stato risolto con la nomina di Daniela Morgante, magistrato della corte dei conti, che si occuperà dell’assessorato al Bilancio.

Proviene invece dalla politica il vice di Marino, Luigi Nieri di Sinistra ecologia e libertà. Nieri ha anche assunto la delega al Patrimonio della Capitale. «Una squadra giovane – ha dichiarato il sindaco – che esprime discontinuità. Le persone sono state scelte da me, sulla base dei loro curricula e di un rapporto fiduciario. Una squadra di cui sono molto orgoglioso». Un principio di discontinuità che è stato applicato anche nei nomi degli assessorati, come quello all’Urbanistica che invece si chiamerà “assessorato alla Trasformazione urbana” e sarà guidato da Giovanni Caudo. Architetto e urbanista, Caudo insegna progettazione urbanistica alla facoltà di Architettura di Roma Tre. Intanto si è fatto sentire anche l’ex sindaco Gianni Alemanno che ha augurato il buon lavoro alla nuova giunta dichiarando anche: «Misureremo le loro capacità con una opposizione responsabile».

A uno degli assessorati più delicati, quello alla Mobilità, Marino ha destinato Guido Improta. Napoletano, classe 1966, da sette anni è responsabile delle Relazioni istituzionali del gruppo Alitalia. È stato capo dell’ufficio legislativo di Francesco Rutelli, ai tempi vicepresidente del Consiglio, in occasione del secondo governo Prodi. L’assessorato alla Qualità della vita è stato affidato a Luca Pancalli. Campione di pentathlon moderno dal 1978 al 1980, dopo essere diventato tetraplegico nel 1981 per una caduta da cavallo, partecipa a quattro edizioni dei Giochi Paralimpici di nuoto vincendo otto ori, sei argenti e un bronzo. Dal 2004 al 2012 è stato vice presidente del Coni.

Flavia Barca sarà l’assessore alla Cultura. Sorella di Fabrizio ex ministro del governo Monti , è docente di Economia e gestione delle imprese di comunicazione all’Università di Teramo. I Lavori pubblici sono stati affidati a Marta Leonori. Romana, laureata in Economia aziendale, dopo un master in innovazione e management della amministrazioni pubbliche nel 2004 ha vinto una borsa di dottorato in economia e gestione delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. È direttore della Fondazione Italianieuropei ed è stata eletta deputata nelle file del Partito Democratico.

Estella Marino è il nuovo assessore all’Ambiente. Ingegnere ambientale, 37 anni. Ha conseguito un record di preferenze alle scorse comunali con il Partito Democratico di cui era responsabile per l’ambiente a livello romano. Ha conseguito un master in economia aziendale alla Bocconi e poi un dottorato in tecnica urbanistica. Lavoro, Casa ed emergenza abitativa sarà l’assessorato di Daniele Ozzimo, 41 anni, nato a Centocelle. Dipendente della Trambus Spa, nel 2008 è diventato vice presidente della commissione Politiche sociali dell’assemblea capitolina.

Sostegno sociale e sussidiarietà affidato a Rita Cutini, dottore di ricerca in Educazione sanitaria, assistente sociale e dipendente della Provincia dal 1996. È stata docente e direttrice dei corsi organizzati dalla Provincia di Roma su diverse tematiche relative ai Servizi Sociali. Dal 2009 è vicepresidente del Centro nazionale del volontariato di Lucca. Alessandra Cattoi, infine, sarà infine l’assessore alla Scuola, infanzia, giovani e pari opportunità. È stata coordinatrice del comitato elettorale di Marino. Ha lavorato all’University of Pittsburgh Medical Center per poi occuparsi della comunicazione per la Commissione d’inchiesta sul Servizio sanitario del Senato.

27 giugno 2013

Potrebbe piacerti anche