Metro C, l’11 ottobre la prima tratta

L’assessore Importa annuncia il via per il percorso da Pantano a Centocelle. L’orario temporaneo: dalle 5.30 alle 18.30, con un treno ogni 12 minuti. Ancora incerta la data del prolungamento a piazza Lodi di R. S.

L’11 ottobre. L’assessore alla Mobilità di Roma capitale Guido Improta ha annunciato per quella data l’apertura della tratta Pantano – Centocelle della Metro C. «Se tutto si svolgerà in maniera ordinaria – ha dichiarato nel corso della Comissione sulla Metro C, a largo Loria – apriremo di sabato perché c’è meno flusso». La frequenza prevista è quella di un treno ogni 12 minuti, per un totale di 5 treni attivi sulla linea, ma scenderà a un treno ogni 6 minuti una volta inaugurata la tratta fino a piazza Lodi, probabilmente «due o tre mesi» dopo l’apertura della prima tratta. L’orario temporaneo: dalle 5.30 alle 18.30. «Una volta entrata in funzione Lodi – ha aggiunto l’assessore – la chiusura sarà spostata alle 23 ma in questa fase, nelle ore restanti dopo le 18.30, abbiamo la necessità di consentire a Metro C di continuare i lavori fino a Lodi».

Nell’attesa, ci saranno degli autuobus sostitutivi che collegheranno Centocelle a Termini e postazioni del car sharing. «Assicureremo un potenziamento del servizio di superficie dedicato – garantisce Improta – che sarà realizzato da Atac o da un altro soggetto individuato dalla società stessa, ma farà parte del programma di esercizio». Agenzia per la mobilità e Atac presenteranno al Comune un progetto, dopodiché «troveremo una forma di consultazione allargata che prevede interviste dai luoghi di partenza della domanda per capire quali sono le destinazioni più richieste. A noi non interessa il taglio del nastro ma che il servizio risponda a una domanda di trasporto».

Ancora incerta la data per quanto riguarda il prolungamento della tratta fino a piazza Lodi, fissata nell’accordo attuativo del settembre scorso al 31 agosto 2014. Si pensa a un ritardo di due o tre mesi dall’11 ottobre. Ritardo che, sottolinea l’assessore, verrà pagato con delle penali. Poi sarà la volta di San Giovanni, nel 2015, e nel 2020 la metro arriverà finalmente al Colosseo. Ancora possibile una «breve finestra di discussione» sull’apertura della tratta dal Colosseo a piazza Venezia, mentre «da Venezia in poi si può discutere di tutto», dichiara Improta. A cominciare dalla questione finanziamenti. «Abbiamo chiesto al ministero una verifica della disponibilità finanziaria fino al Colosseo e abbiamo opzionato 300 milioni per arrivare a piazza Venezia, con l’obblligo di presentare il progetto per la stazione. In 3 o 4 mesi potremo avere una risposta definitiva». Intanto 1,9 miliardi sono già stati spesi, mentre altrettanti sono «programmati».

Soddisfatto il primo cittadino della Capitale Ignazio Marino, per il quale la certezza della data di apertura della Metro C da Pantano a Centocelle «rappresenta uno spartiacque importante per il trasporto pubblico della città di Roma». In attesa della realizzazione dell’intera opera, «la conclusione di questa prima fase, nei nuovi tempi rinegoziati dalla nostra giunta un anno fa, è per l’amministrazione una conquista rispetto alle incertezza di un passato in cui negli accordi per alcune stazioni, come San Giovanni, si scriveva “data da definirsi”. Stiamo restituendo a Roma e ai suoi cittadini le certezza che meritano».

10 luglio 2014

Potrebbe piacerti anche