Roma Capitale, approvato il bilancio 2014

Ammonteranno a 117 milioni di euro i risparmi rispetto all’anno precedente. La manovra ha un valore complessivo di 6,5 milioni. Stangata per camion bar e aumenti per le strisce blu di R. S.

Sono 6,5 i miliardi di euro movimentanti dal bilancio 2014 di Roma capitale. Ad approvarlo, mercoledì 30 aprile, la giunta guidata dal sindaco Ignazio Marino che si è detto «orgoglioso» per aver avviato «la possibilità – sono sue parole – definitiva di cambiare una cultura che fino a oggi aveva portato solo debiti». Rispetto al bilancio 2013, quello appena licenziato dalla giunta prevede 244 milioni di entrate in più che vengono messi insieme tramite una serie di rincari; tra questi l’aumento della tassa di occupazione del suolo pubblico, che passa da 3 a 30 euro al giorno per camion bar e da 1 a 4 euro per i banchetti souvenir; la Tasi sulla prima casa che toccherà quota 2,5 per mille; la tassa di soggiorno aumentata fino a 7 euro per gli hotel a 5 stelle. Le cose restano invariate, invece, per l’Irpef che rimane al 9 per mille ma con una novità; saranno oltre 500mila i romani, con reddito tra 8 e 10mila euro, che beneficeranno di esenzioni. I tagli alla spesa corrente ammontano, infine, a 117 milioni di euro.

«Ogni assessore- ha detto Marino – si è dedicato a ogni linea del suo bilancio. Un bilancio dinamico in cui abbiamo stabilito che i municipi non debbano avere nessun taglio anzi un lieve aumento delle risorse a loro disposizione e di incassare le loro risorse per un vero decentramento». Per la tassa di soggiorno la previsione d’incasso sale dai 55 milioni incassati nel 2013 a 90 milioni. Per gli hotel a 5 stelle si passa a 7 euro al giorno, 4 stelle a 6 euro, 2 e 1 stella a 3 euro. Nuove tariffe anche per residenze alberghiere e agriturismi (4 euro al giorno), bed & breakfast (3,5 euro), campeggi (2 euro). Saranno 35 milioni i maggiori introiti che saranno destinati alla promozione del turismo. Per quanto riguarda le strisce blu, nel centro storico costeranno un euro e cinquanta all’ora. Anche i permessi per entrare nella ZTL costeranno di più: 1.016 euro per le auto con 19 cavalli, 1.216 euro per quelle tra i 20 e i 23 cavalli e 1.416 per valori superiori, con una validità, per tutte le cilindrate, di 5 anni.

Aumenteranno i posti nelle scuole comunali tra quelle dell’infanzia e gli asili nido: oltre 400. Duecento milioni arriveranno poi grazie al nuovo appalto per la gestione dei servizi energetici. Introiti anche dalla dismissione di 25 società partecipate di secondo livello del Comune che verranno messe in liquidazione. Prevista, anche, la vendita di parte del patrimonio immobiliare che dovrebbe fruttare al Campidoglio 130 milioni di euro per il 2014 e 117 milioni per il 2015. Stanziati, inoltre, 100 milioni per un piano di manutenzione stradale. I Servizi sociali potranno mandare avanti i propri servizi essenziali tramite lo stanziamento di 209 milioni di euro tra Dipartimento e trasferimenti diretti ai Municipi.

2 maggio 2014

Potrebbe piacerti anche