S. Lorenzo in Damaso, una targa per don Brandi

Scoperta l’insegna commemorativa in onore del sacerdote che fondò, nel 1910, l’Unione professionale dei netturbini, la Pia Opera Maria Santissima della Strada di M. P.

Una targa commemorativa per don Ariodante Brandi e una Messa – il prossimo 10 aprile presso la chiesa di Santa Maria dell’Orazione e Morte a via Giulia – in suffragio del sacerdote e di tutti gli addetti ai servizi stradali e ai loro familiari. Il presbitero, nato a Roma il 27 agosto 1883, fu viceparroco a San Lorenzo in Damaso e nel 1910, dell’Unione professionale dei netturbini, la Pia Opera che egli volle affidare alla protezione di Maria, col titolo di “Madonna della Strada”.

Nel pomeriggio di venerdì 11 marzo, dunque, proprio nel cortile parrocchiale di San Lorenzo in Damaso, il presidente del consiglio del Municipio Roma Centro Storico, Stefano Marin, ha presenziato all’inaugurazione della targa commemorativa del centenario dalla fondazione dell’Unione Professionale fra il personale addetto alla Nettezza Urbana – Pia Opera Maria Santissima della Strada. All’evento erano presenti, fra gli altri, gli arcivescovi Manuel Monteiro de Castro e Agostino Marchetto, che ha impartito la benedizione ai presenti; il prelato segretario generale del Vicariato monsignor Paolo Mancini; e Carlo Imperi, a rappresentare il consiglio municipale.

Dopo il benvenuto del parroco, monsignor Valerio Nardo, e il discorso commemorativo tenuto da Massimiliano Perugia, i bambini Pietro e Paolo Pacini hanno scoperto la lapide che commemora don Ariodante Brandi e, per la prima volta nella storia dell’Urbe, un gruppo di Netturbini romani. La Banda del Corpo dei Vigili Urbani ha concluso l’evento con un breve concerto; non è mancata l’esecuzione dell’Inno nazionale italiano.

15 marzo 2011

Potrebbe piacerti anche