Verso il conclave, la seconda giornata di Congregazioni

In arrivo gli ultimi 8 elettori attesi per l’ingresso nella Sistina, che chiude ai visitatori. Intanto si procede con una sessione di incontri al giorno. Nel telegramma al Papa emerito la «gratitudine» dei cardinali di R. S.

Sono arrivati nel pomeriggio di ieri, 4 marzo, altri 4 cardinali elettori attesi in vaticano per prendere parte alle Congregazioni generali in vista del conclave. Gli altri 8, con i quali sarà completo il numero dei 115 attesi per l’ingresso nella Cappella Sistina, sono in arrivo per le prossime ore. È quindi nella seduta di domani, mercoledì 6 marzo, che il collegio cardinalizio dovrebbe decidere la data di inizio del conclave, presumibilmente lunedì 11 marzo. «Credo che il punto sia questo – ha riferito il portavoce vaticano padre Federico Lombardi ai giornalisti -: capire se ci sono assenti da aspettare oppure no. Quando sia chiaro, quando tutti quelli che devono arrivare sono o saranno arrivati, ci si può orientare».

Intanto dopo la meditazione di padre Raniero Cantalamessa di ieri pomeriggio, questa mattina si è svolta la terza Congregazione, aperta anche questa dal decano del collegio, il cardinale Angelo Sodano. Quindi, nuovo appuntamento domani mattina: per oggi e domani infatti è in programma solo la sessione mattutina. Prevista per l’inizio del conclave la seconda meditazione, come stabilito dalla costituzione apostolica “Universi Dominici Gregis”, che regola anche il giuramento che i cardinali presenti hanno pronunciato ieri, davanti al Vangelo aperto e al crocifisso. Molte, ha fatto sapere padre Lombardi, le domande dei porporati sull’organizzazione pratica di queste giornate, seguite, al momento, da 4.300 giornalisti accreditati presso la Sala stampa del Vaticano.

Nella Congregazione di questa mattina è stato letto dal cardinale Sodano il telegramma inidirzzato dal collegio al Papa emerito, di cui ha riferito nella Sala Stampa vaticana padre Lombardi. «I padri cardinali riuniti in Vaticano per le loro Congregazioni generali in vista del prossimo conclave – si legge nel testo – le inviano in coro un devoto saluto con l’espressione della loro rinnovata gratitudine per tutto il Suo luminoso ministero petrino e per l’esempio loro dato di una generosa sollecitudine pastorale per il bene della Chiesa e del mondo. La loro gratitudine – prosegue il telegramma – vuole rappresentare la riconoscenza di tutta la Chiesa per il suo instancabile lavoro nella vigna del Signore». I membri del collegio cardinalizio, conclude il testo, «confidano infine nelle sue preghiere per loro, come per tutta la Santa Chiesa».

Nel frattempo, dalle 13 di oggi, martedì 5 marzo, chiude al pubblico la Cappella Sistina, «fino a data da destinarsi», rendono noto dai Musei Vaticani. Nello stesso arco di tempo non saranno visitabili lungo il percorso dei Musei l’Appartamento Borgia e la Collezione di Arte religiosa moderna.

5 marzo 2013

Potrebbe piacerti anche