Al Valle grandi nomi, da Servillo a Mauri

Ricco il cartellone 2009-2010 del teatro, che propone “Il birraio di Preston” e “Il dolore” con Mariangela Melato. Spazio anche alla danza di Toni Colotta

Ancora un flash sugli spettacoli che ci attenderanno sui palcoscenici romani nella stagione prossima. Ci soffermiamo stavolta sul Valle, modellato nel programma dall’Ente Teatrale Italiano. Anche qui riscontriamo la tendenza ad una visione ampia dell’arte scenica. Cui appunto si connette la denominazione di Progetto Valle, con un’apertura ampia alla danza di due protagonisti della coreografia contemporanea, Emio Greco e Jirì Kylian in 4 performances fra Dante, rock, Carmen e molto altro di originale.

La Sicilia assolutamente «diversa» di Spiro Scimone, Francesco Sframeli ed Emma Dante – apprezzati più all’estero che in Italia – si accompagna al già noto “Birraio di Preston” di Camilleri con Pino Micol. Non mancano nel Progetto presenze di attori prestigiosi: in ordine di tempo Toni Servillo, che torna con il suo Goldoni strepitoso di “Trilogia della villeggiatura”, e per contorno omaggi vari a Napoli anche con letture di Licia Maglietta; poi Glauco Mauri, che al Valle festeggia gli 80 anni di età e la vena giovanile recitando di nuovo Beckett; e, celeberrima, Mariangela Melato in una riduzione de “Il dolore” della Duras. Ma anche se meno clamorose spiccano altre «monografie di scena» (efficace neologismo dell’ETI), stimolanti per chi ami esplorare la vita d’oggi: fra l’altro un omaggio al teatro laboratoriale di Gabriele Vacis.

22 giugno 2009

Potrebbe piacerti anche