Consiglio dei Cardinali al lavoro sugli organismi della curia

Il portavoce vaticano padre Lombardi ha illustrato ai giornalisti i temi affrontati nella riunione in corso. Il 5 luglio l’incontro del Consiglio per l’economia. Possibile a breve una conferenza stampa «di rilievo» di R. S.

Una presentazione di questioni «attinenti il Governatorato» da parte del cardinale Bertello, una relativa alla Segreteria di Stato da parte del cardinale Parolin, e poi «la questione del nuovo assetto dell’Istituto per le opere di religione». Questi, nelle parole del portavoce vaticano Federico Lombardi, i temi principali affrontati nella sessione del Consiglio dei Cardinali iniziata ieri e ancora in corso. «Il Papa – ha riferito il religioso incontrando i giornalisti – partecipa a tutte le riunioni», anche di mercoledì, essendo sospese le udienze generali. Anche il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, ha spiegato, «è presente regolarmente alle riunioni, e il Santo Padre ha stabilito che partecipi a pieno titolo come gli altri membri del Consiglio, che a questo punto ha nove membri».

Il direttore della Sala stampa vaticana ha ricordato anche che «sabato c’è la riunione del Consiglio per l’economia al cui ordine del giorno ci sono gli Statuti, c’è un aggiornamento sullo Ior e sul suo sviluppo. E poi, c’è un tempo dedicato anche ai bilanci dell’anno». Non essendo ancora approvati pienamente gli Statuti, ha osservato, «la funzione del nuovo Consiglio per l’economia è in una fase un po’ transitoria», però «naturalmente riceve l’informazione utile anche sulla questione dei bilanci».

Probabile nella prossima settimana, secondo padre Lombardi, una conferenza stampa «di rilievo su vari argomenti attinenti l’ambito delle competenze del Consiglio e della Segreteria per l’economia, fra cui anche lo Ior». Il Consiglio dei Cardinali invece, ribattezzato il “C9”, «proseguirà i suoi lavori sulle Congregazioni, sui Pontifici Consigli, sui vari organismi della curia in modo tale da poter poi fare dei passi avanti anche verso il disegno complessivo di questa riformulazione del servizio della Costituzione della curia romana”.

2 luglio 2014

Potrebbe piacerti anche