Festa della mamma/3. Quel sorriso mai negato

A Casa di Cristian, struttura Caritas a Tor Fiscale, vengono accolte mamme in difficoltà, con i loro bambini. La responsabile Manzara: «Anche se non sono serene, non fanno mancare un sorriso ai piccoli» di Lorena Leonardi

«Per noi festa della mamma è festa della Casa». A dirlo, è Cristina Manzara, responsabile della Casa di Cristian, struttura della Caritas di via Anicio Paolino, a Tor Fiscale, dedicata all’accoglienza di mamme e bambini in difficoltà, che attualmente ospita 10 mamme e 20 bambini. «Le problematiche di chi bussa alla nostra porta», racconta Manzara, «sono tra le più svariate» e «ultimamente è aumentata la richiesta da parte di nuclei italiani: c’è crisi, basta un imprevisto che si ritrovano sfrattati», ma abbondano anche le «situazioni di violenza famigliare».

Se la precarietà d’alloggio «è quella più tangibile», va presa soprattutto in considerazione, secondo la responsabile, «quella affettiva: il primo passo da compiere, per le mamme che arrivano da noi, è passare dalla rassegnazione, dalla sofferenza e dalle ingiustizie al riscatto. Occorre prima di tutto creare un percorso personale, che metta al centro la persona e non il problema: così, anche se le ferite sono tante e spesso non si vedono, si riaccende la miccia della speranza ed è possibile riprendere in mano la propria vita».

Essendo un centro di pronta accoglienza, la Casa di Cristian «agisce sull’emergenza» ma senza dimenticare «un discorso di progettualità che consenta ai nuclei il reinserimento sociale: i bambini, così, vanno a scuola. E le mamme vengono orientate dal punto di vista lavorativo e del supporto genitoriale». Attorno alla Casa gravitano circa 15 volontari, e nei fine settimana spesso i gruppi scout e parrocchiali fanno animazione per gli ospiti della casa, dove i tempi di permanenza si allungano sempre di più: «si arriva sull’annualità», spiega Manzara, «la ricerca del lavoro, e il suo mantenimento, sono sempre più difficile». Seppur nelle tribolazioni, «colpisce sempre vedere che per le mamme i figli sono la forza, ciò che permette loro di vincere qualunque tipo di ostacolo e sofferenza. Magari fanno fatica a essere serene, ma non negano mai un sorriso ai loro bambini, forza motrice di tutta una vita».

10 maggio 2013

Potrebbe piacerti anche