Il programma di accoglienza nei cimiteri romani

Orario prolungato e punti di accoglienza. Al Verano anche visite guidate alla scoperta delle bellezze artistiche e dei “grandi” sepolti di R. S.

Potenziati i trasporti verso i cimiteri di Mat. Rai.

Si rinnova per il dodicesimo anno il “programma di accoglienza” nei cimiteri che Ama mette in campo per la ricorrenza dei defunti. Servizi straordinari per i visitatori (se ne prevede circa un milione) e assistenza, ma anche celebrazioni liturgiche, visite guidate e momenti culturali. Il tutto, fino a lunedì 2 novembre nei cimiteri urbani e suburbani della Capitale.

L’assistenza, per tutti e in particolare per anziani e disabili, vuol dire in primo luogo informazione: nei due cimiteri più grandi, Verano e Flaminio (Prima Porta), vengono distribuite mappe per orientarsi. In tutti i cimiteri sono in distribuzione due opuscoli: “Cimiteri romani. Informazioni utili” (con notizie su orari, trasporti, accoglienza, sicurezza, modalità per la cremazione ecc.) e “Onoranze funebri” (con informazioni sui servizi per le esequie offerti da Ama).

Al Verano sono stati allestiti 6 punti di accoglienza esterni: quattro gazebo in prossimità degli ingressi carrabili (Scalo San Lorenzo, piazzale del Verano, via Tiburtina altezza piazza delle Crociate, via Tiburtina altezza via di Portonaccio), uno vicino al monumento del “Crocione” e uno, dedicato alle visite guidate all’ingresso monumentale di piazzale del Verano.

Per l’intero periodo della ricorrenza dei defunti i cimiteri romani restano aperti tutti i giorni, con orario continuato e senza chiusura settimanale (dove è prevista). Questi gli orari straordinari: Verano, Flaminio e Laurentino dalle 7.30 alle 18. Ostia Antica, San Vittorino, Maccarese dalle 7 alle 17. Cesano, Santa Maria di Galeria, Isola Farnese, Castel di Guido e Santa Maria del Carmine (Parrocchietta) dalle 8 alle 17. L’accesso è possibile fino a un’ora prima della chiusura.

Al Verano viene potenziata la navetta gratis che passa ogni giorno ininterrottamente tra le 8.30 e le 17, un mezzo ogni 30 minuti. Domenica 1 e lunedì 2 novembre, in più, bus navetta con 19 fermate per l’area del Pincetto. Il cimitero monumentale viene chiuso al traffico (ad eccezione del trasporto disabili e dei cortei funebri) solo l’1 e il 2 novembre.

Sempre al cimitero monumentale del Verano, Ama ripropone le visite guidate, per conoscere meglio la “città dei morti” romana. Il 31 ottobre, l’1 e il 2 novembre i nove percorsi verso le tombe del “grandi”: “Volti e memorie di Roma” (i sepolcri dei romani eccellenti tra ‘800 e ‘900: Belli, Trilussa, Rossellini, Fabrizi…); “La memoria di chi ha fatto l’Italia” (itinerario sul sentimento nazionale dal Risorgimento agli anni post-unitari); “La città del Verano. Tre generazioni di architetti ed urbanisti” (un secolo di storia dell’architettura al Verano); “Monumenti al Verano: un museo all’aperto” (storia dell’arte italiana otto-novecentesca nel patrimonio artistico del Verano); “La cultura dei letterati al Verano. Poesia, narrativa e critica” (alla scoperta di personalità della nostra storia letteraria come De Filippo, Sibilla Aleramo, Moravia, Ungaretti); “Novecento. Le passioni di donne e uomini del secolo breve” (la memoria delle grandi passioni del primo Novecento). E ancora: “Storie al femminile tra Otto e Novecento” (storia, politica e cultura d’Italia nelle vicende biografiche delle donne); “Arti decorative e applicate. La nascita della modernità nella cultura romana” (su artisti del vetro, del mosaico, della ceramica e della decorazione architettonica); “Roma e le storie del cinema” (con l’omaggio alle tombe di 25 protagonisti del cinema italiano, da De Sica a Zampa, Sordi, Mastroianni, Manfredi).Tutte le visite durano due ore, sono gratis e non richiedono prenotazione.

In questi giorni viene anche aperto il Centro di Documentazione del Complesso Monumentale del Verano: video, fotografie e cataloghi informatizzati sulla storia del cimitero.

Previste come sempre, infine, alcune importanti celebrazioni liturgiche. L’invito a partecipare alle celebrazioni in programma nei primi due giorni di novembre giunge direttamente dal cardinale vicario Agostino Vallini, che in una lettera indirizzata a tutta la diocesi scrive: «L’Eucaristia, memoriale perpetuo del sacrificio di Gesù sulla croce, dona a colui che la riceve il pegno della vita eterna che i santi già vivono in pienezza nella gloria del Paradiso. Uniti a Cristo sperimenteremo la vita nuova che ci rende nel mondo testimoni della carità di Dio. Allo stesso tempo – conclude – celebreremo il sacrificio per i nostri defunti, chiedendo a Dio di accoglierli nel suo regno».

La celebrazione con il cardinale vicario è in programma domenica 1, solennità di Tutti i Santi, alle 16 nel cimitero monumentale del Verano. Nella stessa giornata altre due liturgie eucaristiche si terranno nel cimitero di Prima Porta (alle 16), presieduta da monsignor Guerino Di Tora vescovo ausiliare del settore Est, e in quello Ostia Antica (ore 15.30) celebrata da monsignor Paolo Schiavon, ausiliare del settore Sud. Sempre Schiavon terrà la Messa di lunedì 2, commemorazione dei defunti, al cimitero Laurentino (alle 15.30).

27 ottobre 2009

Potrebbe piacerti anche