Un congresso su “Donna e mass media”

All’Università Europea di Roma il simposio internazionale organizzato dall’Istituto di Studi superiori sulla donna dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Ilaria Sarra

L’immagine della donna che tv e mass media rilanciano ogni giorno rispecchia appieno la realtà? C’è responsabilità da parte dei mezzi di comunicazione se la figura femminile si è profondamente trasformata? Per cercare di dare risposte a questi e altri quesiti, l’Istituto di Studi superiori sulla donna dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum dei Legionari di Cristo ha organizzato un congresso internazionale sul tema “Donna e mass media” che si svolgerà il 30 marzo, dalle 9.30 alle 18.00 presso l’ Università Europea di Roma (via degli Aldobrandeschi 190).

Grazie anche al contributo di studiosi del settore, si partirà dall’analisi dell’evoluzione dei mezzi di comunicazione per arrivare a una proposta che contenga idee e criteri per l’uso dell’immagine della donna nei media. Il programma della giornata prevede l’intervento di molti protagonisti del mondo della comunicazione, della cultura e dello spettacolo. Si inizia alle 9.30 con il saluto del rettore del Regina Apostolorum Paolo Scarafoni, al quale seguirà l’introduzione di Cristina Zucconi Galli Fonseca, presidente dell’Istituto di Studi superiori sulla donna. Quindi il congresso sarà diviso in due parti, la prima moderata da Ester Palma, giornalista del Corriere della Sera; la seconda dalla sceneggiatrice Domitia Caramazza.

Alle 10 Ettore Bernabei, presidente Lux Vide s.p.a., tratterà il tema ”Passato, presente e futuro dei mezzi di comunicazione”; alle 11.15 si parlerà di “Mezzi di comunicazione e pubblicità: socialmente responsabili?” con la giornalista spagnola di Radio Estel Ignasi Miranda e con Francisco Segarra, pubblicista spagnolo. Seguiranno, alle 12.30, le testimonianze delle conduttrici tv Rosanna Vaudetti, Lorena Bianchetti e Paola Ferrari (le ultime due anche giornaliste); alle 13.15 avrà luogo un dibattito che coinvolgerà anche il pubblico.

Dopo la pausa pranzo si riprende con la seconda parte del congresso: alle 14.30 parleranno Paola Saluzzi, giornalista e conduttrice tv, Alessandra Borghese, scrittrice e giornalista, e la conduttrice televisiva Enza Sampò. Alle 15.15 Javier Alatorre, giornalista messicano della tv azteca, affronta il tema “I media, le donne e la guerra: memorie di un reporter nella guerra in Iraq”; alle 16.05 si parlerà di “Sessualità e procreazione: l’immagine della donna nei media”, relatrice Eugenia Roccella, giornalista e scrittrice. Al termine, alle 16.35, è in programma una tavola rotonda su “I media sono vicini alla donna? Una proposta”. Intervengono Pilar Giménez, professore di Scienze umane all’università Francisco de Victoria di Madrid; Valentina Alazraky, corrispondente televisiva in Messico, e Matilde Bernabei, amministratore delegato Lux Vide s.p.a. Infine alle 17.30 le conclusioni saranno affidate a padre Scarafoni.

Per informazioni: istdonna@libero.it, tel. 06.66527903; 06.66527807; 06.66527930; 06.66527800.

29 marzo 2006

Potrebbe piacerti anche