Giovedì Santo la Messa di Francesco a Casal del Marmo

Il Pontefice celebrerà la Messa e il rito della lavanda dei piedi nell’Istituto penale minorile dove anche Benedetto XVI si era recato nel 2007. Una scelta in continuità con le sue abitudini da arcivescovo di Buenos Aires di R. S.

Sarà l’Istituto penale per minori di Casal del Marmo a ospitare la prima uscita pubblica di Papa Francesco. L’occasione: la celebrazione della Messa nella Cena del Signore, Giovedì Santo, 28 marzo, alle 17.30. Un’innovazione significativa nei riti della Settimana Santa, che di solito hanno sempre visto il Papa celebrare l’Eucaristia del Giovedì Santo nella basilica di San Giovanni in Laterano, Cattedra del vescovo di Roma.

A dare la notizia è un comunicato della Sala stampa vaticana. Dopo la celebrazione della Messa crismale, al mattino, nella basilica di San Pietro, Francesco si recherà nel carcere minorile romano per una celebrazione che, ricorda il testo della Sala stampa, «è caratterizzata dall’annuncio del comandamento dell’amore e dal gesto della lavanda dei piedi». Per Papa Bergoglio si tratta di una consuetudine nata negli anni vissuti come arcivescovo di Buenos Aires, quando «usava celebrare tale Messa in un carcere o in un ospedale o in un ospizio per poveri o persone emarginate – ricorda ancora la nota -. Con la celebrazione a Casal del Marmo, Papa Francesco continua tale uso, che dev’essere caratterizzato da un contesto di semplicità». Si svolgeranno invece «secondo l’uso abituale» le altre celebrazioni della Settimana Santa, come risulterà dalla notificazione dell’Ufficio delle celebrazioni liturgiche.

Anche Benedetto XVI aveva visitato l’Istituto di Casal del Marmo il 18 marzo 2007, celebrandovi la Messa nella Cappella del “Padre Misericordioso”. Ai giovani detenuti dell’Istituto Papa Ratzinger aveva commentato la parabola del Padre Buono, sottolineando che «l’uomo: non è una “monade”, un’entità isolata che vive solo per se stessa e deve avere la vita solo per se stessa. Al contrario, noi viviamo con gli altri, siamo creati insieme con gli altri e solo nello stare con gli altri, nel donarci agli altri troviamo la vita».

21 marzo 2013

Potrebbe piacerti anche