Il Papa incontra i capi-dicastero della Curia

Presenti, tra gli altri, il presidente del Governatorato, il cardinale Giuseppe Bertello e il vicario Agostino Vallini. Dall’1 al 3 ottobre incontrerà gli otto cardinali nominati per le riforme di Agenzia Sir

Papa Francesco, a partire dalle ore 10 nell’Aula del Bologna, sta presiedendo una riunione dei capi-dicastero della Curia romana, una sorta di “consiglio dei ministri” del Vaticano. È la prima del suo pontificato. Sono presenti anche il presidente del Governatorato, cardinale Giuseppe Bertello, e il cardinale vicario per Roma, Agostino Vallini. «Il Papa – si legge in un comunicato diffuso dalla Sala stampa della Santa Sede – ha incontrato personalmente nei mesi scorsi tutti i capi dicastero e ha avuto con ognuno di loro un ampio colloquio. Ora li incontra insieme, in una riunione da lui stesso presieduta, mentre si compie il sesto mese di pontificato».

La riunione, si spiega nella nota a proposito dell’incontro odierno, «in cui ascoltare le considerazioni e i consigli dei più alti responsabili della Curia romana e dei principali collaboratori del Papa in Roma si inserisce naturalmente nel contesto di attuazione dei suggerimenti presentati dai cardinali nelle congregazioni generali in preparazione al Conclave e nella riflessione del Santo Padre sul governo della Chiesa, che avrà presto un altro momento importante nella riunione del gruppo di otto cardinali ai primi di ottobre».

Dall’1 al 3 ottobre, infatti, si riuniranno in Vaticano gli otto cardinali di tutti i continenti nominati da Jorge Mario Bergoglio un mese dopo l‘elezione in Conclave per riformare la Curia e riscrivere la costituzione apostolica “Pastor bonus”, che disegna l‘organigramma della burocrazia vaticana (l‘italiano Giuseppe Bertello, il cileno Francisco Javier Errazuriz Ossa, l‘indiano Oswald Gracias, il tedesco Reinhard Marx, il congolese Laurent Monsengwo Pasinya, lo statunitense Sean Patrick O‘Malley, l‘australiano George Pell, l‘honduregno Oscar Andras Rodríguez Maradiaga, coordinatore del gruppo, coadiuvati dal segretario monsignor Marcello Semeraro, vescovo di Albano).

Oltre a questa nuova struttura il Papa, da quando è stato eletto, ha istituito, in vista della riforma della Curia, una commissione referente sull‘Istituto per le opere religiose (Ior), una Commissione referente sull‘Organizzazione della struttura economico-amministrativa della Santa Sede e – contestualmente al Motu proprio per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio, del finanziamento del terrorismo e della proliferazione di armi di distruzione di massa – un Comitato di sicurezza finanziaria.

10 settembre 2013

Potrebbe piacerti anche