Da Mcl un convegno su “mali” e idee per Roma

L’appuntamento il 30 ottobre all’Ara Pacis. Il presidente nazionale Carlo Costalli: «C’è l’intenzione di contribuire a rianimare un impegno civico»

Di fronte ai gravi problemi che affliggono la Capitale – basti pensare allo sciopero dei dipendenti delle società partecipate dal Comune di Roma, che ha creato molti disagi ai cittadini – il Movimento cristiano lavoratori dell’Unione territoriale di Roma, insieme alla presidenza nazionale, scende in campo con analisi e proposte per il futuro della città. Primo atto è il convegno “Dai mali le idee: proposte per Roma” in programma domani, mercoledì 30 ottobre, a partire dalle 9.30 all’Auditorium dell’Ara Pacis, «luogo significativo – si legge in una nota dell’organismo ecclesiale – perché testimonianza della perenne universalità romana».

«Mentre le cronache romane offrono lo spettacolo di una devastante inadeguatezza del governo della città, per ragioni che chiamano in causa l’attuale giunta ma che risalgono anche a precedenti inadempienze – afferma il presidente nazionale Mcl Carlo Costalli – cresce la consapevolezza della necessità di un cambiamento vero per una Capitale che vede offuscati il suo ruolo e il suo prestigio interno e internazionale». A Roma, sottolinea Costalli, il Movimento cristiano lavoratori «si impegna da tempo, nei circoli e attraverso i servizi di assistenza, nelle periferie e nei quartieri centrali, raggiunti anch’essi da un dilagante disagio. È giunto il tempo di un impegno che vada a incidere al livello politico delle analisi e delle proposte per una città abbandonata e declinante oltre ogni limite».

Da qui l’idea di un confronto propositivo sulla città, che si avvarrà della collaborazione della Fondazione Italiana Europa Popolare e del patronato Sias. Il tema del convegno di domani, spiega Costalli, «si riallaccia alla svolta che nella città impresse il convegno promosso dal Vicariato sui “mali di Roma” del lontano febbraio 1974, nel quale ebbero un forte impatto le analisi del professor De Rita e che produsse la crescita di consapevolezza e di impegno sociale. Oggi – prosegue – si richiede un analogo “risveglio”, soprattutto da parte dei cattolici, emarginati dalla scena politica ma presenti nelle realtà sociali più difficili e portatori di impegno e di speranza, di testimonianze e di proposte. In assonanza con gli autorevoli richiami e inviti ad operare».

Al convegno interverranno Sergio Silvani, presidente regionale Mcl Lazio; Barbara Barbuscia, presidente Unione territoriale Mcl Roma-Viterbo-Rieti; Pietro Giubilo, ex sindaco di Roma e vicepresidente della Fondazione Italiana Europa Popolare; il giornalista Domenico delle Foglie; Alfonso Luzzi, direttore generale del patronato Sias. Conclusioni affidate al presidente nazionale Costalli, che aggunge: «C’è l’intenzione di occupare uno spazio lasciato inopportunamente vuoto, che certamente non ha giovato alla condizione di Roma Capitale. Soprattutto, di contribuire a rianimare un impegno civico nei riguardi della città».

29 ottobre 2019