Guterres (Onu) in Moldova: «Il Paese merita pace e stabilità»

Il segretario generale delle Nazioni Unite in visita a Chisinau: «La vostra sovranità, indipendenza e integrità territoriale non devono essere minacciate. L’invasione russa dell’Ucraina deve cessare»

La Moldova, «in prima linea nel preservare la pace e la stabilità nel mondo», ha ricevuto ieri, 9 maggio, la visita del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Commentando con i giornalisti la sua tappa nella Capitale Chisinau, Guterres ha confidato: «La mia speranza è che ci sia un chiaro senso di responsabilità di tutti gli attori su entrambe le sponde del fiume Dniester e che questo senso di responsabilità prevenga qualsiasi minaccia per la Repubblica di Moldova, perché la Repubblica di Moldova merita pace e stabilità e merita un massiccio sostegno internazionale per affrontare questa enorme sfida dei rifugiati».

Rispondendo a una domanda sulla crescente tensione nella regione con la vicina  repubblica separatista della Transnistria, il segretario generale dell’Onu ha ribadito: «La nostra posizione è molto chiara. Rispettiamo e chiediamo al mondo intero di rispettare l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale della Moldova. Come ho affermato nella mia dichiarazione iniziale, è assolutamente essenziale preservare l’integrità territoriale e qualsiasi violazione dell’integrità territoriale di qualsiasi Paese, inclusa la Moldova, è una violazione del diritto internazionale ed è una violazione della Carta delle Nazioni Unite». Ancora, il segretario generale Onu ha lodato lo sforzo che la «piccola» Moldova sta facendo per accogliere i rifugiati, evidenziando che «l’impatto della guerra in Ucraina nella regione è profondo e di vasta portata. Le conseguenze dell’escalation sono troppo spaventose per essere contemplate. Sono profondamente preoccupato – ha aggiunto – per la continuazione e la possibile diffusione della guerra che la Russia sta conducendo in Ucraina e per l’impatto che sta avendo non solo nella regione ma in tutto il mondo. Le Nazioni Unite – ha assicurato Guterres – si impegnano a sostenere non solo il popolo ucraino ma anche il popolo moldavo in questi tempi difficili. La vostra sovranità, indipendenza e integrità territoriale e i solidi progressi che avete compiuto negli ultimi tre decenni non devono essere minacciati o indeboliti. L’invasione russa dell’Ucraina deve cessare. Le armi devono essere messe a tacere».

10 maggio 2022