MedFilm festival porta a Roma il cinema del Mediterraneo

La rassegna d’autore presieduta da Ginella Vocca fino al 18 novembre al Cinema Savoy, al Macro e al Nuovo Cinema Aquila per la 24ª edizione. In programma 79 film provenienti da 34 Paesi con dibattiti, letture e mostre

Il Cinema Savoy, il Macro e il Nuovo Cinema Aquila. Fino al 18 novembre saranno queste sedi a ospitare la 24ª edizione del MedFilm Festival, la rassegna d’autore presieduta da Ginella Vocca che ha l’obiettivo di riunire attraverso le sue proiezioni «tutte le sponde culturali del Mediterraneo». Un’iniziativa che è parte del programma di Contemporaneamente Roma 2018 ed è promossa dall’assessorato capitolino alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con la Siae e il sostegno del MiBac.

In programma 79 film provenienti da 34 Paesi: da The Day I Lost My Shadow di Soudade Kaadan, Leone del futuro a Venezia 75 – un’opera che parte dalla Siria di oggi per riflettere sulla lotta quotidiana, la dignità e la perdita -, con cui la rassegna si è aperta venerdì 9 novembre – fino alla pellicola fuori concorso dell’israeliano Amos Gitai che chiuderà il festival il 18: A Tramway in Jerusalem, una commedia che osserva con ironia momenti della vita quotidiana di alcuni passeggeri, come un viaggio nella Gerusalemme di oggi.

«Il Concorso ufficiale, Premio Amore & Psiche, si presenta con dieci film, otto dei quali in anteprima italiana – spiegano gli organizzatori -. Un itinerario tra le due sponde del Mediterraneo che tocca alcuni aspetti centrali dei nostri giorni:  Daesh e foreign fighters, la guerra civile siriana, l’emancipazione femminile, il diritto al lavoro, l’eredità storica del Novecento». MedFilm Festival però non è solo film: il programma prevede anche eventi con ospiti, mostre, incontri, dibattiti e letture.

Consulta il calendario degli appuntamenti.

13 novembre 2018