Torna in Vaticano “Estate ragazzi”, per i figli dei dipendenti

Dal 21 giugno al 30 luglio, per il secondo anno, spazi dedicati e attrezzati per giochi, sport e riflessioni su tematiche ecologiche oltre che sul senso della fede

Balli, giochi di gruppo, attività sportive ma anche laboratori artistici, spettacoli e sfide quotidiane. Dal 21 giugno riparte in Vaticano “Estate ragazzi”, l’iniziativa rivolta ai figli dei dipendenti, subito dopo la chiusura delle scuole, fino al 30 luglio. «Ogni settimana – informano gli organizzatori – un programma dettagliato scandirà la giornata dei ragazzi. Tutte le attività in programma sono state progettate pensando alle diverse fasce di età dei ragazzi con un unico grande scopo: educare attraverso il gioco».

Non solo: divisi in gruppi, i ragazzi potranno godersi anche il momento della piscina. Un gruppo di animatori li controllerà in ogni momento, seguendoli nella massima sicurezza.  E, «fermo restando le future determinazioni del governo italiano», sono comprese le attività di gioco in acqua e acquaticità, adatte per tutte le fasce d’età. Nell’Anno speciale dedicato alla Laudato si’, spiegano inoltre i promotori dell’iniziativa, l’Estate ragazzi in Vaticano «vuole avvicinare i ragazzi alla comprensione dell’emergenza ambientale e sociale che ci troviamo a vivere oggi. Mentre rifletteremo sulle tematiche ecologiche, cercheremo di scoprire anche qual è il senso vero dell’essere cristiano, questo modo di pensarsi all’interno del mondo e della creazione».

28 aprile 2021