Torna l’ora solare

Lancette indietro di 1 ora nella notte tra sabato 24 e domenica 25 ottobre. Giornate più corte; si dorme 1 ora in più. A marzo il ritorno dell’ora legale

Lancette indietro di 1 ora nella notte tra sabato 24 e domenica 25 ottobre. Si dorme un’ora in più ma le giornate diventano più corte. A fine marzo il ritorno dell’ora legale

Domenica 25 ottobre, alle 3 del mattino. Questo il momento esatto nel quale in Italia e in larga parte del mondo occidentale avverrà il ritorno dall’ora legale a quella solare: lancette indietro di un’ora, quindi un’ora in più di sonno. E, a partire dalla giornata di domenica, un numero minore di ore di luce solare. Un aspetto, quest’ultimo, al quale sono legati molti degli effetti collaterali di questo cambiamento, che ricadano sull’organismo e sull’umore: insonnia, inappetenza, spossatezza, fatica nella concentrazione e flessione del tono dell’umore.

Si stima che a essere maggiormente colpito da questi effetti sia all’incirca il 10% della popolazione: vale a dire, coloro che soffrono di disturbi del sonno. Il passaggio autunnale però è sfavorevole soprattutto alle “allodole”, che tendenzialmente amano godersi le prime ore di luce del giorno e che invece dovranno abituarsi gradualmente all’aumento di luce la mattina, evitando la tentazione di impegnarsi subito a sfruttarla completamente, ritirandosi invece un po’ prima la sera, in sintonia con i ritmi precedenti al cambio di orario. Minore il contraccolpo per i “gufi”, abituati ad andare a letto tardi la notte.

Tra i disagi più frequenti, il cattivo umore che la prima settimana di riduzione della luce si porta dietro, unito spesso a una riduzione di efficienza sul lavoro, a un peggioramento generale della qualità della vita, a un aumento della suscettibilità a varie patologie e, infine, a un progressivo aumento di stanchezza. L’antidoto consigliato dagli esperti: cercare più luce. Il segreto infatti è la melatonina. Importante anche risincronizzare lentamente i propri ritmi, fare attività fisica e mantenere un regime alimentare sano.

L’ora legale fu introdotta per la prima volta in Italia nel 1916, con il decreto legislativo 631 del 25 maggio. Fu poi abolita e ripristinata diverse volte e adottata definitivamente con una legge del 1965, applicata a partire dall’anno seguente. Nei primi anni Ottanta si decise di estenderne la durata, portandola da 4 a 6 mesi. Nel 1996 è stato introdotto un ulteriore prolungamento di un mese, concordato a livello europeo: il ritorno all’ora solare è stato quindi ritardato all’ultima domenica di ottobre.

 

23 ottobre 2015