Acli: Legge di bilancio, opportunità per contrastare «ogni tipo di povertà»

Il presidente nazionale Rossini, portavoce dell’Alleanza contro la povertà, in audizione in Parlamento. Le proposte per rafforzare il Reddito di cittadinanza

«La Legge di bilancio offre l’opportunità di rafforzare alcuni strumenti a disposizione per contrastare ogni tipo di povertà». Il presidente nazionale delle Acli Roberto Rossini, portavoce dell’Alleanza contro la povertà, lo ha ribadito durante l’audizione dell’associazione presso le commissioni di Bilancio riunite di Camera e Senato, sabato 21 novembre. «L’emergenza sociale – ha affermato – ha causato l’aumento degli individui in povertà relativa e povertà assoluta, è necessario perciò intervenire anche con strumenti come il Reddito di emergenza e altri strumenti per rispondere al sovraindebitamento di tante famiglie». Nel corso dell’audizione sono state presentate dunque le 8 proposte dell’Alleanza per rafforzare il Reddito di cittadinanza.

Intervenuto al dibattito anche Gianluca Budano, consigliere di presidenza Acli e portavoce di Investing in Children Italia, che ha espresso soddisfazione per l’assegno unico a carattere universale per figlio, con la possibilità di estenderlo fino agli studi universitari, e ha evidenziato la necessità di integrare in un unico bando i tanti fondi per infanzia e adolescenza, con una regia unica insieme al Terzo Settore. «Abbiamo bisogno di centrare gli interventi su infanzia e adolescenza se vogliamo programmare il futuro del nostro Paese – ha concluso Budano – e in questa direzione proponiamo una cedola libraria scolastica fino all’assolvimento dell’obbligo scolastico e non solo per scuole elementari. Molto bene il fondo assistenza ai bambini affetti da malattie oncologiche ma andrebbe esteso anche alle altre malattie pediatriche gravi e con interventi diretti alle famiglie e non solo alle associazioni».

23 novembre 2020