“Abbiamo un vaccino: faglielo tu!”: è lo slogan che accompagna la raccolta fondi di Medici senza frontiere a sostegno della più grande campagna di vaccinazione mai realizzata nella Repubblica Centrafricana, avviata nel luglio 2015. Fino al 9 ottobre sarà possibile sostenere l’iniziativa donando 2 o 5 euro via sms o chiamata al numero 45508. L’obiettivo, spiegano dall’associazione, è «proteggere circa 220mila bambini al di sotto dei cinque anni contro almeno nove malattie infettive tra cui morbillo, difterite, tetano e pertosse, entro la fine del 2016».

A illustrare il senso della campagna è Roberta Petrucci, pediatra di Msf. «Lavorando in Repubblica Centrafricana – racconta – ho visto bambini convivere con un conflitto che li sradica dai loro affetti e dalla loro quotidianità, che fa perdere la sicurezza di avere un riparo, cibo e accesso alle cure di base». Con questa campagna di vaccinazione «possiamo non solo ridurre enormemente la perdita di vite ma dare anche la speranza a molti bambini di crescere sani e la serenità alle loro famiglie di aver fatto un gesto semplice ma fondamentale per la salute dei loro figli».

Per vaccinare 6 bambini contro la poliomielite bastano 2 euro; con 5 euro invece è possibile vaccinarne 6 contro il morbillo. Finora, evidenziano da Msf, «circa 130mila persone sono state vaccinate nelle località di Batangafo e Kabo, al centronord del Paese, nella città di Ndele, più a nord, dove si trova il più grande campo sfollati con 30mila persone, e a Paoua e Berberati nell’ovest del Paese. Ma restano ancora tante altre zone da raggiungere».

26 settembre 2016