Da Atac nuovi sistemi di vendita per biglietti e titoli di sosta

Presentati 4 nuovi prodotti: la piattaforma B+, per acquistare attraverso lo smartphone, una contactless card su cui caricare Bit e titoli turistici, il parcometro Pay&go e il nuovo portale Vantaggi

Presentati nei giorni scorsi dall’azienda quattro nuovi prodotti, finalizzati a migliorare i canali di vendita e ad aprirne di nuovi. In concreto, l’obiettivo è lo sviluppo di sistemi di pagamento più facili da utilizzare e vicini al cliente. La prima novità è la piattaforma B+, per acquistare titoli di viaggio attraverso lo smartphone: grazie a un aggiornamento del sistema, sarà possibile acquistare e utilizzare contemporaneamente fino a 20 Bit in un’unica transazione, anche in modalità multiuso per famiglie e gruppi. Grazie alla collaborazione con Mastercard e myCicero tutta la rete di trasporto Atac  sarà fornita di validatori che consentiranno di utilizzare lo smartphone. La vendita dei titoli avviene attraverso la piattaforma informatica dei gestori.

Ancora, Atac ha messo in commercio al costo di 1 euro una nuova contactless card su cui è possibile caricare i Bit e i titoli turistici di 24, 48 e 72 ore e i titoli settimanali. È il primo passo verso la dematerializzazione dei titoli di viaggio, ossia la sostituzione dei titoli cartacei, che comunque rimarranno in commercio, spiegano dall’azienda, con supporti di tipo chip on paper, più sostenibili e moderni. Anche i titolari delle altre card Atac (Metrebus Red e la èRoma) potranno caricare Bit e titoli turistici. Entro la fine di giugno 2018 su tutte le card Atac sarà possibile caricare un carnet di Bit. La soluzione ideale per chi usa saltuariamente il trasporto pubblico.

Novità anche per quanto riguarda i titoli di sosta, con Pay&go: potenziati circa mille nuovi parcometri sui 2.500 esistenti, che entro pochi mesi diventeranno strumenti funzionali di ricarica e pagamento: sarà possibile pagare la sosta, compresi gli abbonamenti mensili della sosta da 70 euro, ma anche le sanzioni per il trasporto pubblico elevate da Atac. Soprattutto, sarà possibile ricaricare le card Atac acquistando titoli di viaggio. Ciò consentirà all’azienda di aumentare significativamente i propri punti ricarica, arrivando a un sostanziale raddoppio, dagli attuali 1.200 a 2.200. Già avviata, informano dall’Atac, la prima fase: si potrà effettuare il pagamento della sosta inserendo il numero di targa e non sarà più necessario tornare nell’auto per esporre il tagliando. Ancora, con i nuovi parcometri sarà anche possibile gestire la sosta da un qualsiasi altro parcometro Pay&go sul territorio per riattivare il tempo di sosta scaduto. Inoltre sarà possibile effettuare il pagamento anche con carta di credito e carta prepagata. Tutti gli altri servizi verranno attivati nel corso del 2018. 

Da ultimo, il nuovo portale dedicato agli abbonati, con centinaia di offerte di beni e servizi a prezzi vantaggiosi. Sconti anche per quanto riguarda l’offerta romana di cultura e tempo libero. «Viaggiare sui mezzi pubblici comprando i biglietti tramite smartphone. Aprire i tornelli della metro con un ticket virtuale sul cellulare. Girare sui bus con in tasca un’unica carta contactless, con un chip on paper, dove si possono caricare i Bit. Pagare la sosta sulle strisce blu tramite carta di credito e non dover più rientrare in macchina per esporre il tagliando. Questa – il commento del sindaco di Roma Virginia Raggi – è la Roma del futuro. Abbiamo presentato con Atac alcune iniziative per agevolare l’utilizzo del trasporto pubblico. Per rendere più semplice la vita della persone, in una città grande e complessa come la nostra. Vogliamo che la nostra città sia sempre più smart, una città competitiva a livello mondiale».

11 aprile 2018