Inizia dai motivi per avere un sito “mobile”, cioè visualizzabile su smartphone e tablet, il settimo #tutorialweca diffuso nelle pagine Youtube e Facebook di Weca ma anche sul sito internet. Il primo: oltre il 65% della popolazione mondiale si collega a internet attraverso un tablet o uno smartphone. Un sito ottimizzato per il mobile poi – è il secondo motivo – è più facilmente navigabile. Terzo: un sito ottimizzato è più “gradito” ai motori di ricerca.

Continuano così i video, condotti dal giornalista di Tv2000 Fabio Bolzetta, realizzati da WeCa in sinergia con l’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali e con il Centro di ricerca sull’educazione ai media all’informazione e alla tecnologia (Cremit) dell’Università Cattolica di Milano. In questo nuovo appuntamento, oltre alle motivazioni per avere cura della versione mobile del proprio sito, vengono segnalati anche 5 piccoli accorgimenti da tenere in considerazione. Anzitutto bisogna evitare di «utilizzare tecnologie e software che non sono adatti al mobile». Secondo accorgimento: «I testi devono essere leggibili dallo smartphone senza l’utilizzo dello zoom con le dita». Ancora, «il contenuto deve essere circoscritto entro i confini del display di qualunque dispositivo mobile». Si suggerisce quindi di prestare attenzione anche ai link, che «devono essere facilmente attivabili». Ultima raccomandazione: realizzare «un sito veloce».

17 gennaio 2019