Insediamento Biden, Von der Leyen: «Leadership condivisa per sfide globali»

La presidente della Commissione Ue intervenuta all’Europarlamento nel giorno del giuramento del nuovo presidente Usa. «Un messaggio di speranza»

Nel giorno dell’insediamento del 46° presidente Usa, Joe Biden, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è intervenuta al Parlamento europeo definendolo  un «messaggio di riconciliazione per una nazione profondamente divisa» ma anche un «messaggio di speranza per un mondo che aspetta che gli Stati Uniti tornino nel gruppo di Paesi di cui condividono i principi».

Nelle parole di Von der Leyn, la leadership Ue-Usa è necessaria per affrontare le «numerose sfide globali che necessitano di una cooperazione globale rinnovata e migliorata. Sono lieta – ha aggiunto – che, come annunciato, il primo giorno della nuova amministrazione americana gli Stati Uniti rientreranno nell’Accordo di Parigi. Questo sarà un solido punto di partenza per la nostra rinnovata cooperazione». Ancora, la presidente della Commissione ha espresso l’auspicio dell’Europa che gli Stati Uniti si uniscano allo sforzo comune per combattere la pandemia e per garantire vaccini sicuri per i Paesi a basso e medio reddito.

Un riferimento, nel discorso di Von der Leyen, anche all’assalto a Capitol Hill da parte dei sostenitori dello sconfitto Donald Trump. «Dobbiamo prendere queste immagini provenienti dagli Stati Uniti come un invito a riflettere – ha detto -. Nonostante la profonda fiducia nella democrazia europea, non siamo immuni da eventi analoghi. Anche in Europa ci sono persone che si sentono svantaggiate, che sono molto arrabbiate. Dobbiamo cercare di affrontare le preoccupazioni e i problemi di ciascuno dei nostri cittadini, come la paura – del tutto giustificata – di essere lasciati indietro economicamente nella pandemia. Dobbiamo imporre limiti democratici al potere politico senza vincoli e incontrollato dei giganti di internet».

Dalla presidente dell’esecutivo comunitario, la proposta alla nuova amministrazione Usa di definire un approccio globale comune. «Insieme – ha spiegato – potremmo istituire un regolamento sull’economia digitale valido in tutto il mondo, che vada dalla protezione dei dati e della privacy alla sicurezza delle infrastrutture critiche. Un insieme di regole basate sui nostri valori: diritti umani e pluralismo, inclusione e tutela della privacy».

21 gennaio 2021