Al via da oggi, venerdì 22 novembre, il pellegrinaggio delle Acli in Terra Santa, organizzato nel calendario degli eventi per i 75 anni dalla fondazione dell’associazione. «Quattro giorni ricchi di visite, di momenti di preghiera e anche di incontri», li definiscono dalla presidenza nazionale, che si mette in cammino – guidata dal presidente Roberto Rossini – insieme a circa 100 aclisti provenienti da tutta Italia.

Il primo giorno, domani, 23 novembre, sarà dedicato alla visita del monastero di San Giorgio Koziba con l’attraversamento del Deserto di Giuda. La sera si terrà l’incontro con padre David Neuhaus, vicario del Patriarcato latino per i cattolici di lingua ebraica. Domenica 24 il gruppo di pellegrini visiterà i luoghi più significativi di Betlemme, oltre al Caritas Baby Hospital. Per la sera è in programma un incontro con due esponenti dei Parent’s Circle, l’associazione di genitori palestinesi ed ebrei che hanno avuto un figlio vittima del conflitto. Il giorno seguente, 25 novembre, sarà dedicato alla visita di Gerusalemme e all’incontro con monsignor Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme.

La conclusione del pellegrinaggio, martedì 26, è al Santo Sepolcro; dopo la visita è in programma l’incontro con Maria Chiara Ferrari, piccola sorella di Gesù. Quindi la partenza verso l’aeroporto di Tel Aviv per il ritorno a casa.

22 novembre 2019