L’icona del Santo Volto a San Silvestro in Capite

L’«Immagine Edessena» esposta per la prima volta dopo il 1869 in una chiesa romana. Per oltre sette secoli è stata una delle immagini più venerate dai romani. L’evento è promosso dal vescovo Matteo Zuppi

Per la prima volta dal 1869, anno in cui Pio IX la fece trasferire in Vaticano, l’Icona del Santo Volto, denominata «Immagine Edessena», torna straordinariamente ad essere venerata in una chiesa romana. Da domani, 6 dicembre, è possibile ammirarla a San Silvestro in Capite (piazza San Silvestro) dove l’immagine era posta almeno dal XIV secolo all’interno della grata dell’altare Tridentino. «Per oltre sette secoli – spiega un comunicato – è stata una delle immagini più venerate dai romani».

L’evento, promosso dal vescovo ausiliare per il settore Centro, Matteo Zuppi, e dal rettore della chiesa, padre John Fitzpatrick, ha ricevuto il contributo organizzativo di due associazioni. «L’iniziativa – sottolinea Zuppi – ci aiuta in quest’Avvento a sentire molto vicino al nostro cuore il volto di Gesù, presente nella nostra vita».

Il programma, che sarà inaugurato con la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Lorenzo Leuzzi, prosegue giorno 7 alle 12 con la Messa presieduta dal vicegerente Filippo Iannone. Giorno 8 alle 12 il solenne pontificale verrà presieduto dal vescovo Zuppi; alle 18.30 i vespri solenni con l’arcivescovo Giuseppe Mani. Quindi l’«immagine edessena» tornerà in Vaticano nella sacrestia della basilica vicino alla Stanza delle Lacrime, e in San Silvestro la nuova icona riceverà la solenne benedizione.

 

5 dicembre 2014