L’omaggio di Roma a Rino Gaetano

A 40 anni dalla sua scomparsa, inaugurato su via Nomentana – dove perse la vita – l’Albero per Rino. Il sindaco Raggi: «Una vera e propria opera d’arte»

Un albero che diventa una sorta di ritratto: il tronco che evoca il celebre maglione a fasce colorate; i rami, che, nella visione delle artiste decoratrici, rappresentano l’eco de “Il cielo è sempre più blu”; il cilindro postato tra le foglie e, annodata a un ramo, la sua sciarpa. È l’omaggio di Roma Capitale a Rino Gaetano, a 40 anni dalla sua scomparsa: l’Albero per Rino, inaugurato ieri, 3 giugno, sulla via Nomentana, nel luogo dell’incidente in cui il cantautore perse la vita e dove da anni i fan portano fiori e omaggi. «Una vera e propria opera d’arte», l’ha definito il sindaco Virginia Raggi: l’Albero infatti è stato decorato dalle artiste dell’Accademia di Aracne.

«Oggi abbiamo voluto celebrare in maniera creativa un grande artista – le parole della prima cittadina, all’inaugurazione insieme all’assessore alla Crescita culturale Lorenza Fruci, al sottosegretario per il sud Dalila Nesci, alla sorella di Rino Gaetano Anna e al nipote Alessandro -. Una vera e propria opera d’arte visibile da chiunque passi su via Nomentana. Roma, la città dove Rino Gaetano è cresciuto, ha voluto rendergli omaggio decorando un albero nel luogo dove purtroppo perse la vita il 2 giugno di 40 anni fa. Lo abbiamo fatto in modo unico, come unica è stata la sua geniale produzione artistica. Ricordiamo così uno dei cantautori più amati di sempre».

Alla Sovrintendenza capitolina e soprattutto ai cittadini, «romani e non», che «continuano a onorare questo grande artista» sono andate le parole di gratitudine dell’assessore Fruci, che ha ricordato anche l’opera già realizzata dall’associazione abruzzese Accademia di Aracne nel Parco dei Daini, nell’ambito del progetto “Back to Nature. Arte contemporanea a Villa Borghese”, nel 2020.

«Rino Gaetano aveva dieci anni quando dalla Calabria si trasferì a Roma che divenne la città dove la sua musica è nata e si è evoluta – ha commentato invece il sottosegretario Nesci -. Da calabrese sono davvero molto contenta che la Capitale abbia deciso di ricordarlo in questo modo e ringrazio l’amministrazione capitolina per aver realizzato questo meraviglioso omaggio».

4 giugno 2021