Medicina Solidale, chiude il centro estivo realizzato con il Cor

Accolti 65 bambini “fragili” della periferia della Capitale. La presidente Ercoli: «Abbiamo scritto a Fedez per tenere alta l’attenzione sull’infanzia che soffre»

Si chiude oggi, 10 luglio, il centro estivo “Columella City” realizzato dai catechisti del Centro oratori romani (Cor) e sostenuto da Medicina Solidale, che ha provveduto all’osservazione pediatrica dei 65 bambini accolti, provenienti dalla periferia sud-est della Capitale. A provvedere ai pasti, invece, McDonald’s Italia.

Dal 15 giugno i bambini, tutti tra i 6 e i 12 anni, sono stati al centro dell’iniziativa ospitata in un grande spazio verde nel cuore del Quadraro, dove hanno vissuto momenti di gioco, danza e festosa amicizia, «pur nel rispetto di tutte le norme previste in questo stano tempo della pandemia», assicurano gli organizzatori. Ora, per la chiusura dell’iniziativa – totalmente gratuita – Medicina Solidale ha deciso di scrivere al rapper e cantante Fedez, autore della canzone “Bimbi per strada”, per invitarlo a vistare i più piccoli che vivono ai margini e nelle strade della Capitale.

«Il sorriso dei ragazzi – spiega Lucia Ercoli, direttore dell’associazione Medicina Solidale – e le loro gaie risate hanno riempito di colore Columella City facendone un punto di incontro tra Chiesa in uscita e nuove generazioni, in un momento così problematico per i più piccoli che durante il lungo lock-down hanno dovuto rinunciare ad amici, compagni di scuola, familiari e insegnanti». Per Ercoli, anche «il tempo donato da catechisti, organizzatori, medici è il segno vivo dell’amore che solo donando suscita vita e speranza anche in tempi difficili; a servizio dei più piccoli abbiamo volto lo sguardo al futuro gettando semi di accoglienza, ascolto, dialogo e partecipazione nei cuori dei ragazzi a cui è affidato il compito di custodirne i germogli. Sono loro infatti i veri protagonisti di ogni autentico rinnovamento».

Alla conclusione dell’esperienza, spazio per un bilancio. «Mettere i bambini al centro»: per Lucia Ercoli è il messaggio che parte da Columella City «per la città di Roma, per gli adulti a cui è affidato il compito di accogliere accompagnare e promuovere la vita di ogni bambino. Ed è per questo che abbiamo scritto a Fedez, affinché attraverso la sua persona si possa tenere alta l’attenzione sull’infanzia che soffre».

10 luglio 2020