“MiAssumo”, per orientare i ragazzi alle professioni del futuro

La presentazione del progetto in streaming sulla pagina Facebook di Parole O-Stili, il 17 febbraio. Aziende e scuole in connessione, per formare gli insegnanti

È in programma per domani, 17 febbraio, alle 11 sulla pagina Facebook di Parole O_Stili la presentazione del progetto “MiAssumo”, rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado, che sostiene l’orientamento di ragazzi e ragazze e la formazione di specifiche skill, chiavi fondamentali per le professioni del futuro. Dopo il progetto del “Percorso di educazione civica”, Asstel e Parole O_Stili rafforzano dunque la propria partnership in occasione del quarto compleanno del “Manifesto della comunicazione non ostile”, con questa iniziativa che mette in connessione aziende e scuole. L’obiettivo: formare gli insegnanti nell’orientamento degli studenti nella scelta delle professioni del futuro.

In concreto, il progetto si svilupperà attraverso un percorso di formazione on line, con strumenti digitali e anche con il supporto dei materiali presenti sulla piattaforma “Anch’io Insegno”, creata da Parole O_Stili con il supporto del Miur. Una fitta rete di partner provenienti dal mondo delle imprese e delle istituzioni a livello nazionale e locale supporterà la formazione dei docenti e doterà gli studenti di strumenti utili a scoprire nuove competenze e inclinazioni, aiutando i ragazzi a “sognare” la loro professione.

Tra le novità del percorso ci sono «la scommessa su insegnanti e genitori, il coinvolgimento dei ragazzi a partire già dai primi anni della secondaria, la fondamentale collaborazione delle aziende che, grazie alla regia di Asstel, non soltanto faranno rete tra di loro ma monitoreranno costantemente la crescita formativa e professionale dei giovani – afferma Rosy Russo, presidente di Parole O_Stili -. Il valore di #MiAssumo dipenderà dal significato che daremo alla parola orientamento, dove la cittadinanza digitale è uno dei principali strumenti per la crescita di uomini e donne capaci di affrontare le sfide del futuro. Per questo sosteniamo anche l’introduzione di un’ora di cittadinanza digitale nelle scuole».

16 febbraio 2021