Trasporti a rischio nella Capitale venerdì 25 febbraio

In programma un triplo sciopero che interessa Atac, Cotral, Roma Tpl e tutti gli operatori in subaffidamento. Si fermano metro, bus e tram. Le fasce di garanzia

Uno sciopero di 24 ore indetto da Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferrotramvieri; uno di 4 ore indetto da Slm Fast Confsal, Faisa Confail; infine un altro, sempre di 24 ore, di Cobas Adl, Cub Trasporti, Cobas Lavoro privato e Cub trasporto. Venerdì 25 febbraio, trasporto pubblico a rischio nella Capitale: le tre agitazioni in programma infatti interessano i mezzi Atac, Cotral, Roma Tpl ma anche tutti gli altri operatori in subaffidamento. A rischio stop quindi metro, bus e tram.

Assicurate, come di consueto, le fasce di garanzie: metro A, B e C, ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Viterbo, mezzi di superficie e tram, circoleranno esclusivamente dall’inizio del servizio diurno, alle 5.30, fino alle 8.30 e poi dalle 17 alle 20. Non è assicurato, nella notte tra 24 e 25 febbraio, nemmeno il servizio delle linee notturne; garantito invece il servizio delle diurne con corse programmate oltre le ore 24 e le corse notturne delle linee 38-44-61-86-170-246-301-451-664-881-916-980 e delle linee 314-404-444 della società RomaTpl. Quest’ultimo servizio non sarà invece certo nella notte tra 25 e 26 febbraio.

Si fermano anche i mezzi Cotral. «Saranno garantite – informano dall’azienda del servizio extraurbano – tutte le partenze dai capolinea fino alle 8.30; la ripresa del servizio è poi alle 17, fino alle 20».

Durante le sciopero, nelle stazioni della rete metroferroviaria Atac che resteranno eventualmente aperte, non sarà comunque garantito il servizio di scale mobili, ascensori e montascale, dichiarano da Roma Servizi per la Mobilità. Non sarà garantito nemmeno il servizio delle biglietterie presenti in alcune stazioni della rete mentre non subirà alcuna interruzione il servizio delle biglietterie online. I parcheggi di interscambio restano aperti.

23 febbraio 2022