Un percorso sulla lotta alla tratta

La proposta formativa promossa dal Coordinamento diocesano: 4 incontri, dal 4 maggio al 15 giugno. Il vescovo Ambarus: «Un cammino che si muove su varie direzioni»

Dal 4 maggio il Coordinamento anti-tratta della diocesi di Roma promuove il percorso di formazione “Contro la tratta, far fiorire la vita”. Quattro incontri, fino al 15 giugno, utili a fornire strumenti teorici e pratici per comprendere il fenomeno della tratta, a livello internazionale, europeo e nazionale, con un focus sul quadro legislativo e sugli sviluppi più recenti, ad esempio legati alla crescita dello “sfruttamento indoor” a seguito della pandemia. La proposta formativa, realizzata online su piattaforma Zoom (alle ore 19), sintetizza i principali approcci teorici per saper riconoscere e accogliere quanti continuano a vivere una forma di moderna schiavitù sul territorio.

«Il percorso intrapreso dal Coordinamento diocesano antitratta in questi ultimi anni – spiega il referente diocesano, il vescovo Benoni Ambarus – si muove lungo varie direzioni: la presenza sulla strada; l’accompagnamento delle persone che riescono a fuggire dalla strada; la sensibilizzazione e l’informazione, di cui fanno parte sia un lavoro portato avanti in diverse scuole superiori della città, sia il corso di formazione». Quanti frequentano l’itinerario formativo potranno quindi rafforzare le unità di strada oppure occuparsi della presa in carico di quanti riusciranno a sfuggire alla tratta.

Il primo incontro, giovedì 4 maggio, sarà aperto dall’introduzione del vescovo Ambarus; interverranno poi suor Abby Avelino, coordinatrice internazionale di Talitha Kum, e Manuela De Marco, dell’Ufficio Politiche migratorie e Protezione internazionale di Caritas italiana. Il 18 maggio parleranno gli avvocati Ada Marsegaglia e Antonio Carlini, mentre il terzo incontro, il 1° giugno, vedrà protagonista suor Carla Venditti, impegnata nelle unità di strada e nel supporto delle vittime con la Missione Oasi Madre Clelia. Ultimo appuntamento il 15 giugno, con un approfondimento a cura di Massimiliano Aragona, etnopisichiatra della Società italiana di medicina delle migrazioni.

2 maggio 2023