Usa-Iran, l’Europa invita Teheran a «evitare atti irreversibili»

Il presidente del Consiglio Ue Charles Michel al presidente iraniano Rohani: «L’Unione pronta a rafforzare il proprio impegno con tutte le parti»

Si sono parlati al telefono il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e Hassan Rohani, presidente dell’Iran, nella giornata di ieri, 9 gennaio. E da Michel è arrivata la raccomandazione di «evitare atti irreversibili», insieme alle condoglianze per l’incidente aereo avvenuto a Teheran, a poche ore di distanza dal lancio dei missili contro le basi Usa e interforze in Iraq.

Il dialogo, ha riferito il presidente del Consiglio europeo, si è portato in fretta sulla situazione di crisi creatasi fra Iran e Stati Uniti, che sta coinvolgendo i Paesi vicini e l’intero Medio Oriente. Sulle tensioni nella regione, il presidente Michel ha ribadito che l’Ue «è pronta a rafforzare il proprio impegno con tutte le parti al fine di disinnescare le tensioni». Rohani, da parte sua – ha proseguito ancora Michel -, ha riconosciuto che «l’Unione europea ha sempre svolto un ruolo stabilizzatore nella regione» e che l’Iran «è pronto a proseguire una stretta cooperazione con l’Ue». Michel infine ha ricordato gli interessi europei nella regione e ha insistito sul fatto che «l’Unione rafforzerà il suo ruolo a livello internazionale in stretta collaborazione con gli Stati membri».

10 gennaio 2020