Vaticano, in Segreteria di Stato per la prima volta un sottosegretario donna

È Francesca Di Giovanni, classe 1953, dal 1993 officiale nella sezione per i Rapporti con gli Stati. Ha ricevuto l’incarico di seguire il settore multilaterale

Giurista, 67 anni, Francesca Di Giovanni è il nuovo sotto segretario della sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato vaticana. Seguirà il settore multilaterale. Una carica nuova nell’ambito della Segreteria di Stato, che va ad affiancarsi a quella dell’altro sottosegretario – attualmente il polacco Miroslaw Wachowski -, che d’ora in poi si occuperà principalmente del settore della diplomazia bilaterale. Oltretutto, è la prima volta di una donna in un ruolo dirigenziale nell’organismo vaticano. L’ha nominata Papa Francesco: una scelta che dice l’importanza riconosciuta dalla Santa Sede alla diplomazia multilaterale, in un momento storico in cui la pace pare minacciata da più fronti, oltre che il desiderio di incrementare la presenza delle donne in ruoli dirigenziali.

Di Giovanni, palermitana, classe 1953, è da quasi 27 anni in Segreteria di Stato. Laureata in Giurisprudenza, ha completato la pratica notarile e ha lavorato nell’ambito del settore giuridico-amministrativo al Centro internazionale dell’Opera di Maria (Movimento dei Focolari). Dal 15 settembre 1993 è officiale nella sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato. Ha svolto il suo servizio sempre nel settore multilaterale, soprattutto per quanto riguarda temi concernenti i migranti e i rifugiati, il diritto internazionale umanitario, le comunicazioni, il diritto internazionale privato, la condizione della donna, la proprietà intellettuale e il turismo.

16 gennaio 2020